Pubblicato il

Gordon Gekko non abita qui

CIVITAVECCHIA – Gordon Gekko non abita qui. E Civitavecchia non è la città dove il denaro non dorme mai come Wall street. Eppure il crack della popolare dell’Etruria è qui che ha fatto la sua vittima vittima. Un pensionato. Nell’epoca in cui i conti correnti rendono lo “zero virgola zero…” e  i  bot vengono collocati con interessi negativi, qualcuno gli ha rifilato obbligazioni che proprio non facevano al caso suo. E non è vero che le regole non ci sono. Sono tutte contenute nella Mifid 2 (Direttiva 2014/65/UE del parlamento europeo e del consiglio del 15 maggio 2014). Che in fondo sono tre regolette piene di buon senso.

Primo: gli strumenti finanziari vanno offerti o raccomandati attraverso politiche specifiche per identificare la categoria di clienti alla quale fornire i prodotti e i servizi. Predisposte prima e riesaminate periodicamente. Come c’erano finiti un pensionato ed il suo gruzzolo sulle liste di segmentazione del mercato per il collocamento di obbligazioni secondarie?

Seconda regola: c’è poi un impianto organizzativo alle spalle (Compliance, Intermediario Ideatore e l’Intermediario Distributore, che deve funzionare avendo in mente sempre e solo la tutela del risparmiatore.

Terzo, c’è il possibile conflitto di interesse tra chi propone il titolo e chi lo acquista, conflitto che deve essere evitato come la peste. La stessa Mifid 2 prevede persino che non ci siano né premi né incentivi per il consulente finanziario. Ma qui il titolo serviva per capitalizzare la banca del collocatore. Si trattava di salvare il posto di lavoro. Altro che conflitto. Di più. Ma non c’è solo la Mifid  a gridare scandalo, ma anche una allegra gestione del credito.  Il 40 per cento dei cediti concessi erano andati in incaglio o sofferenza. Una cifra astronomica per una piccola banca: 3 miliardi in tutto. E visto che il cassetto languiva, ma il piatto no, ci avevano ficcato le mani anche gli amministratori prendendo prestiti senza restituirli. Tanto che l’ 11 febbraio scorso gli ispettori della Banca di Italia fanno letteralmente fatto irruzione nel CDA,  danno un calcio in culo agli amministratori e commissariano la banca seduta stante. E la politica? Guardava dall’altra parte.
 

Fabio Angeloni

ULTIME NEWS