Pubblicato il

L'Enel ha già versato 7 milioni

L'Enel ha già versato 7 milioni

Pioggia di euro nella casse comunali per salvare i conti del Pincio. Minoranza: "Un acconto senza titolo". Cozzolino: "Importi Imu arretrati. Solo una parte dell'attualizzazone dell'accordo del 2008"

CIVITAVECCHIA – L’Enel ha già versato nelle casse del Comune 7 milioni di euro. “Un acconto senza titolo” come dichiarato dall’opposizione, per salvare i conti del Pincio. Un copione molto simile a quello recitato dalle passate amministrazioni e contestato da questa amministrazione comunale. Un’anticipazione in previsione di quella che sarà poi una nuova convenzione, tutta ancora da definire. L’esito di una serie di incontri avviati dal sindaco Antonio Cozzolino con il colosso energetico per “reclamare” quanto inserito nella vecchia convenzione del 2008.     

Si tratta comunque di un importante versamento nelle casse comunali che consentirà al Pincio di andare avanti con più tranquillità, in vista di questo nuovo accordo pluriennale.

“Nella giornata di oggi – ha confermato il sindaco Cozzolino – Enel ha versato al Comune di Civitavecchia, a titolo di importi Imu arretrati relativi alle annualità 2014 e 2015, 7 milioni di euro.  Questa è solo una parte della necessaria attualizzazione di alcuni articoli dell’accordo del 2008 che sarà resa pubblica integralmente non appena ufficializzata dal Cda di Enel e dalla Giunta comunale. Per la nostra opposizione, un Comune in fallimento a causa di un contratto non rispettato non sarebbe stato un problema ma un’opportunità di rimettersi in gioco dopo la sonora bocciatura di giugno 2014. Il dialogo che c’è stato con Enel in questi mesi ha fatto sì che si arrivasse ad una attualizzazione e non si andasse in tribunale per il mancato rispetto dell’accordo del 2008 tuttora in vigore. Prima o poi i miei avversari politici se ne faranno una ragione: gli unici a poter giudicare il nostro operato saranno i cittadini e lo faranno a giugno 2019, quando sarà scaduto il nostro mandato”. (SEGUE)

ULTIME NEWS