Pubblicato il

Rqa: le centraline passano al Comune

Rqa: le centraline passano al Comune

CIVITAVECCHIA – Che fine faranno le centraline di rilevamento della qualità dell’aria? La domanda è lecita, all’indomani del comitato di gestione dell’Osservatorio Ambientale che si è riunito giovedì per prendere atto del fatto che, al momento, non dovrà più occuparsi della manutenzione delle centraline.
La delibera approvata in Consiglio Comune a fine ottobre, infatti, portando avanti quella che è sempre stata l’idea del Movimento Cinque Stelle, prevede di reintegrare nel possesso dell’ente ogni eventuale bene mobile o immobile di proprietà del Comune, tra cui anche le 11 centraline presenti sul territorio. L’assessore all’Ambiente Alessandro Manuedda ha assicurato che le centraline passeranno all’osservatorio regionale. Ma sui tempi e sulle modalità non c’è ancora chiarezza.
Resta il fatto che, dal 1° gennaio, le centraline dovrebbero passare sotto il controllo del Pincio. Entro quella data il Consorzio per la Gestione dell’Osservatorio Ambientale procederà alla disdetta della corrente elettrica e alla dismissione delle apparecchiature di proprietà dell’ente presieduto da Giovanni Marsili. Consorzio che, nei mesi scorsi, aveva proceduto anche all’acquisto di moderne apparecchiature per incrementare e rendere più efficienti i controlli, per una spesa di circa 70 mila euro. Ora bisognerà capire in che modo si andrà a gestire la rete, o meglio parte di quella rete finora gestite dal Consorzio.

ULTIME NEWS