Pubblicato il

Chiuso l'accordo con la Regione per l'impianto di depurazione

Chiuso l'accordo con la Regione per l'impianto di depurazione

CIVITAVECCHIA- Nel corso di una conferenza stampa questa mattina il sindaco Cozzolino e il delegato Gianchini hanno ufficializzato la partenza per l'efficientamento  in città

CIVITAVECCHIA – La depurazione a Civitavecchia è destinata al miglioramento. Approvato il protocollo d’intesa tra Regione Lazio e Comune, con 2,6 milioni di euro, che arriveranno in tre trance nel corso del 2016, così si procederà all’efficientamento dell’impianto e nello specifico alla realizzazione di interventi di adeguamento della II, III linea e il rifacimento della I. Una situazione di stallo durata anni, che ha danneggiato la salute del territorio anche a  causa di una mancata trattativa.  Due linee finora gestite su un doppio binario, da una parte il Comune, dall’altra la Regione. Arriva la sintesi di un lungo lavoro. “Un passaggio importante – afferma il sindaco Antonio Cozzolino – finalmente una linea comune nella gestione del depuratore, risultato di una grossa trattativa politica grazie anche al lavoro  del delegato all’Esercizio e alla Gestione del depuratore, Gabriele Giachini.“Trent’anni fa ho iniziato ed ho trovato questa situazione di contenzioso, gli Enti pubblici devono collaborare tra loro. Fiumaretta era classificata come zona a rischio, sulla scia dell’accordo, abbiamo pianificato come poter lavorare insieme – afferma  il dott. Giachini – è stato costruito un team di ingegneri  e per quanto riguarda il comune io coordinerò il lavoro, mettendo a disposizione tutta la mia esperienza”.  A Civitavecchia al momento il liquame da depurare corrisponde a 300 litri al secondo, in condizioni di massima piovosità 350. Una realtà industriale che poteva smaltire su una linea al massimo 150 litri, sull’altra sempre 150. Insieme non garantiscono la punta minima,  infatti i due impianti sommandoli non sono in grado di smaltire tutto, pertanto ne è stata attivata una terza dismessa. “Quando si parla di depurazione- continua Giachini –  bisogna pensare al film e non alle diapositive, avremo un 30 per cento di incremento, abbiamo voluto un impegno formale con la determina regionale, il necessario anche per la riqualificazione, così  altri 2 mila cittadini potranno attaccarsi alla nuova fogna”. Non solo efficientamento quindi, ma anche uniformità di gestione coordinata.  “Nell’arco di due anni – conclude Giachini – avremo migliorato la situazione e con un’ unica gestione e l’applicazione di tre splendide fontane potremmo riossigenare il bacino, vogliamo acqua pronta per un utilizzo industriale, quando hai un depuratore che funziona bene, questo può succedere. Civitavecchia si pone nella regione come efficienza nella depurazione”. Intanto sulla base del Report 0 del team qualità acque, sono stati fatti diversi interventi nei comparti A, B e C come la riattivazione a Poggio elevato della cisterna di stoccaggio, vari interventi sui filtri di Aurelia e alla cisterna di Santa Lucia.

ULTIME NEWS