Pubblicato il

Giunta Paliotta verso il rimpasto

Giunta Paliotta verso il rimpasto

Cambiamenti in vista a Palazzo Falcone per dare rilancio in attesa delle elezioni. Si prospetta lo scontro tra Pierini e Loddo per la successione al sindaco

LADISPOLI – Si susseguono notizie da settimane, ma ormai il rimpasto della giunta a Ladispoli dovrebbe essere imminente. Potrebbe arrivare prima dell’anno o comunque subito dopo le feste.

Sarebbero queste le ultime da Palazzo Falcone dopo che per mesi il sindaco Paliotta ha portato avanti lunghe consultazioni per capire come ridare slancio all’attività amministrativa della sua maggioranza, dopo gli ultimi mesi molto difficili. Inizialmente il rientro dalle vacanze sembrava il momento maturo per questo passaggio, ma poi la situazione si è prolungata.

A fiaccare l’attività della maggioranza non tanto i numeri quanto il verificarsi di diversi eventi esterni, che hanno intaccato la fiducia della popolazione. Il clamoroso esito del referendum su Piazza Grande ne è uno dei più chiari campanelli d’allarme.

A pesare come un macigno nell’ultimo periodo sono stati soprattutto gli avvisi di garanzia per falso ideologico, comminati ai presenti in una giunta del maggio scorso, oltre alla fuga di notizie in merito all’inchiesta che vede coinvolto Luigi Valà, che ha scosso gli ambienti politici di tutto il litorale.

Il rimpasto dovrebbe definire la squadra in vista elezioni, in un periodo cruciale nel quale si deciderà il futuro candidato al posto di Paliotta ormai verso la fine del secondo mandato.

Proprio questo fatto rende ancora più delicata la scelta, che ha anche l’obiettivo di dare stessa visibilità ai contendenti alla candidatura a sindaco. Oltre a Marco Pierini, che già più volte ha paventato la possibilità di candidarsi, si cerca nel centrosinistra una candidatura alternativa che molti suggeriscono sia Giuseppe Loddo, attuale Presidente del consiglio comunale. Un suo ingresso in giunta farebbe cambiare anche la composizione del consiglio con un ulteriore nodo da sciogliere: il nuovo presidente dell’assise comunale.

Se qualcuno entra in giunta qualcun altro dovrà invece fare un passo indietro, ma l’attenzione maggiore è rivolta nei confronti di chi invece dovrà lasciare gli assessorati. Difficile ipotizzare l’uscita dell’assessore Di Girolamo in quota Sel quindi le nomination ricadrebbero su Lauria, Trani, Pierini e Ussia.

Di fronte a Paliotta una scelta non semplice proprio alla luce delle numerose vicende appese a decisioni che potrebbero venire proprio da Civitavecchia. Sono incorso indagini nei confronti di almeno 3 assessori, per alcuni di questi le indagini farebbero riferimento a più inchieste. Sta quindi al sindaco decidere se tenere in giunta elementi che potrebbero destabilizzare di nuovo la maggioranza nel caso in cui a chiusura delle indagini si andrà alla richiesta di rinvio a giudizio.

La questione non riguarderebbe però la vicenda del falso ideologico. In quel caso sarebbe impossibile rimanere indenni da un eventuale rinvio a giudizio in quanto coinvolto c’è il cuore dell’amministrazione.

Da vedere se arriverà ufficialmente l’annuncio nei prossimi giorni o se saranno necessarie ulteriori consultazioni.

ULTIME NEWS