Pubblicato il

Carcere: due aggressioni ad Aurelia

Carcere: due aggressioni ad Aurelia

Un agente di polizia penitenziaria è finito al pronto soccorso. Sedata una rissa tra nordafricani

CIVITAVECCHIA – Un agente di polizia penitenziaria finito al pronto soccorso del San Paolo ed una rissa tra nordafricani prontamente sedata. È il bilancio della mattinata piuttosto agitata al supercarcere di Borgata Aurelia. A denunciare la situazione è stato Massimo Costantino, segretario della Cisl Fns.

Il poliziotto, secondo il racconto del sindacalista, è stato trasportato all’ospedale per delle contusioni varie riportate a seguito di un’aggressione da parte di un detenuto romano, con problemi psichiatrici. “Detenuto di cui  è stato chiesto più volte l’allontanamento per ordine e sicurezza – ha spiegato Costantino – senza aver esito. L’uomo aveva già aggredito personale di Polizia penitenziaria nella Regione Lazio, ultimo caso presso l’istituto di Frosinone”.

Attorno alle 11 è stata quindi sedata una rissa tra detenuti nordafricani avvenuta in sezione. “Sono in corso accertamenti per verificarne i motivi – ha aggiunto il segretario della Cisl Fns – e grazie al tempestivo intervento della Polizia penitenziaria non vi sono stati feriti. Un inizio anno partito quindi con aggressioni varie nei confronti del personale di Polizia penitenziaria nel Lazio, ultimo caso al Mammagialla di Viterbo solo l’altro giorno. La gestione dei detenuti con problematiche psichiatriche sta diventando problematica; inizialmente erano curati negli Opg ma, da quando questi sono stati chiusi, solo i pazienti più gravi sono curati nelle Rems, mentre i restanti comunque sono sotto osservazione psichiatrica all’interno degli istituti penitenziari ed in apposite sezione denominate articolazione per la tutela della salute mentale in carcere. Di questi detenuti deve occuparsene esclusivamente il servizio sanitario e non certo il corpo di Polizia Penitenziaria; occorre un intervento legislativo affinché si esclude la responsabilità del personale penitenziario che non ha competenze su questioni sanitarie”.

ULTIME NEWS