Pubblicato il

Croce Rossa: oggi il faccia a faccia

Croce Rossa: oggi il faccia a faccia

Fissato per questo pomeriggio l’incontro dei soci con il presidente e il dirigente regionale. I volontari insistono: «Subito il commissariamento»

TARQUINIA – È atteso per il oggi il chiarimento circa la vicenda dei conti della Croce Rossa di Tarquinia finiti all’attenzione dei dirigenti, nazionale, regionale e provinciale, dopo che i soci volontari hanno deciso di non approvare il bilancio 2014, rilevando alcune irregolarità oggetto di verifiche. Una bufera senza precedenti per l’associazione locale, che vede nel mirino il presidente Francesco Saverio Guaragno, agli sgoccioli del suo mandato che ricopre dal 2013. A lui, oltre quaranta soci, hanno chiesto spiegazioni circa acquisti e spese che attendono ancora di essere giustificati. Nella poca chiarezza, per i tanti volontari che spendono le loro energie sul territorio, ci sarebbero spese come quelle della cancelleria, che per l’anno 2014 contano un’uscita di oltre 1800 euro; del carburante: oltre 8mila euro; bar per i volontari, 1200 euro; il telefono per 2900 euro; manutenzione ambulanze, 2400 euro; e poi ancora manutenzione e riparazione autovetture per altre mille euro. Troppo esose secondo i volontari. Ma non solo. Nel mirino anche gli acquisti nel mese di giugno, con gelato cucciolone e birra, che dovrebbero riguardare i pacchi per le famiglie bisognose, nonostante la regola preveda generi alimentari di prima necessità e non deperibili. Acquisti, questi ultimi, disconosciuti dalla stessa responsabile dell’area 2, Maria Assunta Pinacoli, passata a miglior vita. Oggi pomeriggio il faccia a faccia tra i soci – che chiedono il commissariamento dell’associazione in attesa delle elezioni del 28 febbraio – il presidente Guaragno e il dirigente regionale Adriano De Nardis. Quest’ultimo, su sollecitazione anche del sindaco Mazzola, ha avviato una verifica sulla vicenda, di cui si attendevano risposte proprio nei primi giorni dell’anno. Sul tavolo oggi, anche le elezioni e il nuovo statuto.

ULTIME NEWS