Pubblicato il

Grasso: «Senza la delibera del Consiglio, chi pagherà per quei 17 milioni?»

Grasso: «Senza la delibera del Consiglio, chi pagherà per quei 17 milioni?»

Il capogruppo della Svolta: "Cozzolino, rispetto a Moscherini e Tidei, ha contratto un debito senza avere il potere di farlo. Quindi, o si approva il nuovo accordo all'aula Pucci, oppure si assumerà personalmente la responsabilità di aver firmato un atto che non è valido, e di aver voluto il dissesto"

CIVITAVECCHIA – «Basta con la favoletta che si tratta di imposte dovute. Se così fosse, sarebbe stato aperto un contenzioso dinanzi al giudice tributario. Si tratta invece di un contributo, che come tale dovrà essere inserito tra le entrate extra-tributarie, come fatto in precedenza. Invece, il tentativo maldestro è quello di sostenere che si tratta di entrate tributarie per accertare i 7 milioni in sede di bilancio consuntivo, pur di non discutere un tema così importante in Consiglio Comunale». Lo dichiara il capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso. «Ad ogni modo – prosegue – Enel aveva versato i soldi con riserva di ripetizione nel caso in cui per qualsiasi ragione l’accordo non fosse divenuto efficace. Il mancato passaggio in Consiglio, oltre ad essere stato richiesto dall’Enel come condizione di efficacia dell’accordo, è previsto dalla legge anche per il fatto che rispetto a Tidei o Moscherini, Cozzolino ha vincolato il Comune a restituire 17 milioni. Ha contratto un debito senza avere il potere di farlo. Quindi, o viene in Consiglio ed approva il nuovo accordo, oppure si assumerà personalmente la responsabilità di aver firmato un atto che non è valido, con tutte le conseguenze che ne derivano, e di aver voluto il dissesto».

ULTIME NEWS