Pubblicato il

Nica: «Vietare il consumo e aumentare la vigilanza»

Nica: «Vietare il consumo e aumentare la vigilanza»

Assobar appoggia Grando contro il consumo di alcol in aree pubbliche

LADISPOLI – Pieno appoggio dell’Assobar di Ladispoli alla mozione presentata dal consigliere Alessandro Grando sul divieto di bere alcolici nei giardini pubblici.

Il consigliere pochi giorni fa aveva infatti depositato una mozione per vietare il consumo di alcolici nelle aree pubbliche soprattutto quelle dove sono presenti i bambini durante il giorno, sia per evitare problemi ai piccoli e soprattutto per non vedere sporcizia sparsa ovunque nei giardinetti e nelle aree pubbliche durante il giorno.

«Il vero problema – dichiara Nica presidente Assobar – non si risolve vietando la vendita a ridosso dei giardini, ma mettendo dei vigili che controllano giornalmente i giardini pubblici. L’identikit di chi beve e lascia bottiglie è molto facile da individuare e inutile che ci nascondiamo dietro un dito basta fare un’attenta azione di controllo da parte degli addetti ai lavori».

«I gruppetti di persone che abitualmente fanno queste azioni – continua il presidente Assobar -sono ben visibili non si nascondono dietro un cespuglio a bere lo fanno davanti a tutti quindi ben venga l’ordinanza di divieto di bere nei giardini pubblici, ma non basta bisogna controllare il territorio. Molte attività commerciali già da tempo non vendono più bottiglie di birra grande, ma chi è abituato a comprarle non va nei bar dove costano dai 3 ai 5 euro a bottiglia, ma va in un supermercato e si compra ciò che vuole a meno di un euro».

«Se si vuole risolvere il problema – conclude Nica – la soluzione non è vietare la vendita ma vietare di bere nei giardini e mettere i vigili nelle condizioni di controllare i giardini pubblici non solo per fare multe ma anche per evitare queste cose».

ULTIME NEWS