Pubblicato il

Termosifoni spenti: protesta al Cardarelli

Termosifoni spenti: protesta al Cardarelli

TARQUINIA – Ieri la carenza di gasolio, che ha tenuto al freddo gli alunni fino a verso le 11. Oggi un guasto tecnico che ha mandato su tutte le furie gli studenti dell’istituto Cardarelli di Tarquinia che stamane, dopo l’ennesima giornata a rischio gelo hanno deciso di non entrare in classe. Per due giorni consecutivi, infatti, gli alunni dell’IIS hanno trovato le classi al freddo al loro ingresso i n aula, con il riscaldamento non funzionante. Gli studenti stamane hanno quindi deciso di improvvisare una protesta su un guasto che coincide proprio con l’arrivo del freddo. Nonostante l’immediata segnalazione alla ditta incaricata  delle riparazioni, si è prospettata una lunga attesa, visto che si tratta di un’azienda con sede a Roma. Sbottano gli alunni per voce dei rappresentanti d’istituto Matteo Sileoni e Flavio Reversi: «Non è pensabile che per situazioni di urgenza come questo ci si debba affidare ad una ditta con sede a Roma, con ovvie conseguenze sui tempi d’intervento. Questa situazione va risolta». Inutile il tentativo dei ragazzi di rivolgersi al sindaco Mazzola, che non era presente nel palazzo comunale. Gli studenti si rivolgono a Mazzola anche in qualità di presidente della Provincia di Viterbo, sollecitandolo ad una più efficace soluzione. (a.r.)

ULTIME NEWS