Pubblicato il

Emergenza movida al Ghetto. I residenti: "Situazione insostenibile"

Emergenza movida al Ghetto. I residenti: "Situazione insostenibile"

CIVITAVECCHIA – La situazione in zona Ghetto, durante il week end, sta diventando insostenibile per i residenti.
Questo è quanto emerso dall’ennesima segnalazione di un cittadino che testimonia il degrado in cui versa la zona a causa della ‘‘movida’’ serale e notturna che, per chi abita nei dintorni, sta diventando una vera spina nel fianco: «Dopo il tramonto la zona che dovrebbe essere pedonale diventa una sorta di striscia di Gaza con auto parcheggiate in modo selvaggio – scrive il rersidente esasperato – è una situazione che si ripete ogni fine settimana».
L’uomo si chiede se, in caso di bisogno, sarebbe possibile per un’ambulanza giungere sul posto e districarsi tra le auto parcheggiate, caoticamente, in mezzo alla strada e continua: «Lì tireremo le somme ed i nodi arriveranno al pettine. Verranno a galla i controlli che non ci sono  – dice – la musica alta che ci rimbomba dentro casa fino alle tre di notte, i locali che vendono alcol in bottiglie di vetro che poi vengono tirate e spaccate, forandoci i pneumatici, l’alcol venduto ai minori senza preoccuparsi della loro età, le droghe, la gente che orina tra le macchine, che vomita, che urla, che imbratta i muri dei palazzi o che rovina le nostre vetture parcheggiate». Un quadro poco rassicurante, quello dipinto dalle parole del cittadino e residente della zona che si chiede: «Com’è possibile che tutto ciò avvenga sotto le finestre del palazzo della Guardia di finanza?».
L’uomo continua chiedendo l’aiuto del sindaco, Antonio Cozzolino, invitandolo a fare dei controlli nella zona, dicendo che verrebbero fatte molte multe per le circostanze descritte sopra: «Le casse comunali ne gioverebbero sicuramente. Ormai siamo veramente abbandonati a noi stessi – accusa – chiedo personalmente aiuto al Sindaco. Fate qualcosa per noi, la situazione è diventata insostenibile».
Un appello disperato, quello del residente, vittima dell’inciviltà o più semplicemente della cattiva educazione di chi, non curandosi degli altri o della propria città, vive la notte in maniera egoista, danneggiando beni comuni e proprietà private.

Davide Perticara

ULTIME NEWS