Pubblicato il

Castello, il rilancio passa per una gestione esterna

Castello, il rilancio passa per una gestione esterna

La cooperativa Colture si è aggiudicata il controllo del Museo del mare per tre anni. La coop finanzierà tutte le attività che allestirà nel maniero e contrattualizzerà le 5 figure professionali presenti

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Finalmente qualcosa si muove per dare al castello di Santa Severa un’occasione per diventare il polo archeologico di questa zona. Da quando si sono chiuse le visite guidate organizzate dalla Regione Lazio, il bellissimo maniero era tornato in naftalina.

Nessun intervento da parte degli uffici di via Della Pisana, attività zero, solo quel poco che offre il Museo civico.

L’amministrazione comunale, quindi, ha indetto una procedura negoziata per dare in gestione il Museo del Mare e della Navigazione Antica a cui si erano iscritte ben sedici società.

Al momento però di procedere all’affidamento del bene storico, a dare la sua disponibilità è stata una società, la Cooperativa Colture, che ovviamente si è aggiudicata per tre anni la gestione. Così, dopo un anno e mezzo di assoluto silenzio da parte dell’ente locale e di quello sovra comunale, si tenta di ridare vita alle attività interne al castello assegnando ad una ditta esterna la gestione del Museo.

La Cooperativa ‘‘Colture’’ di Mestre, è un’azienda specializzata in questo settore. Gestisce infatti la biglietteria del Colosseo, i Musei Capitolini, tanto che conta oltre mille dipendenti.

Il suo compito sarà quello di far ripartire una struttura che, fino ad oggi, ha creato solo problemi in quanto, con la rescissione del contratto tra il Comune e la Cooperativa ‘‘Fuori Centro’’ per inadempienze contrattuali, il personale era praticamente costretto a dividersi i proventi delle visite guidate per tirare avanti. Solo qualche tempo dopo il Comune ha deciso di ricollocare le guide turistiche, che da anni lavoravano all’interno del museo, utilizzando un’agenzia di lavoro somministrato.

Un sistema che è andato avanti per alcuni mesi, fino all’affidamento alla Cooperativa Colture, che dovrà finanziare tutte le attività che allestirà nel maniero e si accollerà l’onere di contrattualizzare le cinque figure professionali presenti e facendo un investimento iniziale che si aggira sui 150mila euro.

Soldi che dovrebbero rientrare con la promozione di iniziative commerciali quali organizzazione di eventi, convegni, conferenze, teatro e concerti.

ULTIME NEWS