Pubblicato il

Dopo due mesi rincaro dei carburanti

Dopo due mesi di ribassi praticamente ininterrotti, i prezzi alla pompa tornano a salire. A spingere sono gli aumenti del barile e delle quotazioni dei prodotti raffinati, salite in dieci giorni dell’equivalente di tre centesimi al litro. A muoversi è il market leader Eni, oltre due mesi dopo l’ultimo rialzo che risale al 25 novembre. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, Eni ha aumentato i prezzi di listino della benzina (+2 cent/litro) e del gasolio (+2,5 cent/litro). Rialzo anche per TotalErg: +1 cent sul benzina e diesel.
Queste le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati su circa 12mila impianti: benzina self service a 1,394 euro/litro (-0,1 cent, pompe bianche 1,374), diesel a 1,184 euro/litro (-0,1 cent, pompe bianche 1,164).
Benzina servito a 1,482 euro/litro (-0,1 cent, pompe bianche 1,407), diesel a 1,274 euro/litro (-0,3 cent, pompe bianche 1,200). Gpl a 0,566 euro/litro (invariato, pompe bianche 0,552), metano a 0,986 euro/kg (invariato, pompe bianche 0,980).
Queste le quotazioni dei prodotti raffinati in Mediterraneo alla chiusura: benzina a 299 euro per mille litri (+16), diesel a 243 euro per mille litri (+11, valori arrotondati). (Adnkronos)

ULTIME NEWS