Pubblicato il

«Non si tratta di una fabbrica di rifiuti»

«Non si tratta di una fabbrica di rifiuti»

La Bracciano Ambiente interviene sui bandi per la realizzazione dell’impianto a biogas a Cupinoro. Pascucci: «A noi interessa la salute dei cittadini»

BRACCIANO – Non si è fatta attendere la risposta dela società partecipata del comune di Bracciano Bracciano Ambiente spa sui due bandi che vedrebbero la realizzazione di un impianto a biogas a Cupinoro.

«Come previsto dal piano industriale allegato alla proposta di concordato – ha dichiarato la società – Bracciano Ambiente ha bandito il 20 gennaio scorso due procedure per due impianti: un impianto di “recupero spinto delle frazioni riciclabili e delle frazioni da raccolta differenziata non biodegradabili”, c.d. fabbrica di materie prime seconde, senza produzione di combustibile, in forza del progetto, un impianto di compostaggio e digestione anaerobica della frazione organica (c.d. umido) proveniente dalla raccolta differenziata dei rifiuti urbani, autorizzato dalla regione Lazio con det. B02327 del 19 aprile 2012. Entrambe le autorizzazioni sono state rinnovate dalla det. G15123 del 28 ottobre 2014, rilasciata dalla regione Lazio».

«Non si tratta, dunque, di “fabbriche di rifiuti” – ha concluso Bracciano Ambiente – ma di “impianti per il trattamento, l’inertizzazione, la separazione e la valorizzazione dei rifiuti urbani” prodotti dal nostro territorio – la vera fabbrica di rifiuti – e che oggi vengono trasportati, a costi insostenibili per la cittadinanza, presso impianti lontani e spesso tecnologicamente obsoleti».

Intanto ieri pomeriggio a Mecenate Tv durante la trasmissione ‘‘Da mattina a sera’’ il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci è intervenuto dichiarando che «la pubblicazione dei bandi da parte della Bracciano Ambiente per la realizzazione dei due impianti a Cupinoro rappresenta un atto che, come Amministrazione comunale di Cerveteri, consideriamo gravissimo». «Le ragioni economiche non ci interessano – ha sottolineato Pascucci – ci interessa invece la salute dei cittadini e del nostro ambiente».

ULTIME NEWS