Pubblicato il

Hcs: c'è tensione nell'aria

È convocata per le 16 alla Pucci l’assemblea dei lavoratori delle partecipate. Intanto si attendono ancora gli stipendi. Perinelli (Cgil): «Incertezza preoccupante. Affronteremo i tanti problemi e vedremo in che modo intervenire»

È convocata per le 16 alla Pucci l’assemblea dei lavoratori delle partecipate. Intanto si attendono ancora gli stipendi. Perinelli (Cgil): «Incertezza preoccupante. Affronteremo i tanti problemi e vedremo in che modo intervenire»

CIVITAVECCHIA – Ancora niente stipendi nelle tasche dei dipenti della società partecipate del Comune. I lavoratori di Hcs, Argo, Città ed Ippocrate attendono di sapere ufficialmente quando verranno pagati, perché di fatto ancora si sa poco o nulla. 
Il ritardo comunicato nei giorni scorsi e motivato con un problema al software non aveva una scadenza. Sembrerebbe che oggi possa essere il giorno buono, con il mandato di pagamento alle diverse società municipalizzate. 
E comunque è sempre 2 febbraio ed è trascorsa una settimana in attesa di risposte che non sono arrivate. 
Per oggi alle 15.30 è convocata un’assemblea generale di tutti i lavoratori all’aula Pucci, convocata da tutte le sigle sindacali. 
Tanti i temi all’ordine del giorno che verranno affrontati con il contributo delle parti sociali. «C’è una incertezza preoccupante su tutta la questione delle municipalizzate – ha spiegato la segretaria generale della Cgil Miranda Perinelli – inizieramo dall’apertura delle procedure di raffreddamento, per lo stato di agitazione di tutto il personale delle partecipate». Le richieste sono già partite, a dimostrazione del clima di tensione che si respira in quest’ultimo periodo. 
«I ritardi continui nel pagamento degli stipendi  – ha aggiunto Perinelli – aggravati questo mese dai problemi informatici, non aiutano a rasserenare gli animi. Nel corso dell’assemblea parleremo dei problemi di Civitavecchia Infrastrutture e delle altre società per fare un quadro della situazione e capire come muoverci». 
Altro argomento in discussione è sicuramente la costituzione della NewCo, rimandata già diverse volte in consiglio comunale, e slittata nuovamente alla luce del decreto Madia sulla Pubblica Amministrazione che di fatto va a tagliare drasticamente le partecipate. 
Nel frattempo i sindacati hanno però avanzato una serie di proposte, contenute in un documento unitario inviato a Palazzo del Pincio, per suggerire una serie di iniziative da mettere in campo per la futura NewCo, con l’obiettivo principale di incrementare i ricavi, aggiungendo tutta una serie di possibili nuovi servizi che potrebbero essere svolti dalle municipalizzate, o comunque incrementando quelli già esistenti. 
«Abbiamo consegnato il documento all’amministrazione – ha spiegato Perinelli – e attendiamo di essere convocati a breve, altrimenti solleciteremo un incontro con Sindaco ed assessori competenti».  
Quella di oggi sarà la prova del nove, anche per testare il livello di tolleranza da parte dei lavoratori. ‘‘La misura è colma’’ hanno più volte denunciato. Ora bisognerà vedere che tipo di atteggiamento organizzazioni sindacali e dipendenti delle partecipate vorranno assumere e che tipo di iniziative.

ULTIME NEWS