Pubblicato il

È morto Diego Craba

È morto Diego Craba

L'ex consigliere e assessore della Dc aveva 76 anni ed è scomparso improvvisamente oggi pomeriggio mentre era ricoverato presso la clinica romana Columbus dove era convalescente dopo aver subito un intervento chirurgico. I messaggi di cordoglio

CIVITAVECCHIA – Oggi pomeriggio è venuto a mancare Diego Craba, ex consigliere ed assessore della Democrazia Cristiana negli anni 80. Craba, che era nato a Milazzo 76 anni fa, era ricoverato presso la clinica romana Columbus, convalescente dopo un intervento chirurgico a cui era stato sottoposto nei giorni scorsi. Craba era con il figlio, quando ha accusato un improvviso malore.

Craba venne operato una prima volta diversi anni fa, poi nei mesi scorsi, quando sembrava aver vinto la sua battaglia, la malattia si era riaffacciata. Ma Diego non aveva perso la sua voglia di combattere e anche stavolta pareva che la forza d’animo lo avesse sostenuto aiutandolo ad avere la meglio. Fino al tragico epilogo di oggi pomeriggio.

Craba, ex dipendente delle Poste, arrivò dalla Sicilia nel Lazio con la famiglia (il papà era carabiniere) negli anni ’50. Poi si trasferì ad Allumiere, dove iniziò il suo impegno politico, sempre nella Dc. Infine, si stabilì definitivamente a Civitavecchia, dove fu più volte consigliere ed assessore.

Persona semplice e genuina, Craba è sempre stato rispettato e stimato da tutti coloro che lo avevano conosciuto per i suoi valori e la sua schietta passione politica e per il rispetto della persona che ha sempre improntato la sua battaglia politica.

“Apprendo ora della improvvisa scomparsa di Diego Craba. Con lui se ne va un rappresentante di quello che era il vecchio modo di intendere la politica. Vecchio, in questo caso, certamente in senso positivo, rispetto alle lotte personali o a ciò che purtroppo è diventata oggi la battaglia politica. Per Diego si trattava innanzitutto di rispetto della persona, pur nella diversità di vedute, non certo di demonizzare gli avversari. Un rispetto e una stima che gli sono sempre stati ricambiati da amici, semplici conoscenti ed esponenti politici di ogni colore”. Questo il commento del capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso. “La sua era passione politica autentica, che era prima di tutto ascolto dei bisogni, insieme a capacità politico-amministrative che gli hanno consentito per anni, sia ad Allumiere che a Civitavecchia, di ottenere il consenso di tantissimi cittadini, ricoprendo più volte gli incarichi di assessore e consigliere comunale – ha aggiunto – e ancora oggi, dopo aver smesso di fare politica attiva, per lui non mancava mai la passeggiata quotidiana tra la gente per commentare i fatti del giorno, sempre in una chiave politica costruttiva. Ai figli e a tutti i familiari vanno le mie più sentite e sincere condoglianze”.

“La notizia della scomparsa di Diego Cabra mi addolora per la perdita di un caro amico con il quale ho condiviso un lungo cammino politico e istituzionale. Insieme in consiglio comunale e nelle giunte comunali Barbaranelli e quella da me presieduta negli anni 90 – ha ricordato Valentino Carluccio – per tanti anni impegnato nella politica locale sia come consigliere comunale sia come assessore al quale non ha fatto mai mancare il suo fattivo interesse per i problemi della nostra città e del comprensorio. La morte di Craba mi ha colpito e rattristato, sono vicino alla sua famiglia”.

“Voglio esprimere tutto il mio cordoglio per la scomparsa dell’amico Diego Craba – ha scritto Fabiana Attig dell’Ugl – persona molto umana e sempre al fianco dei più deboli le più sincere condoglianze a tutta la sua famiglia”.

“Esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra vicinanza a tutti i familiari per la perdita dell’ex assessore e consigliere comunale a Civitavecchia ed Allumiere della Dc Diego Craba, uomo serio, persona genuina e sempre con una parola buona per tutti – hanno commentato dal circolo del Pd – uomo impegnato nella soluzione dei problemi del nostra città e del comprensorio. Lascia un vuoto incolmabile ed un immenso dolore in quanti lo hanno conosciuto”.

“Politico estremamente pragmatico, sempre schietto e scevro dai sotterfugi, Diego Craba – lo ricorda così Pietro Tidei – è stato presente in diverse amministrazioni sul territorio, sempre teso a voler coniugare la sua vocazione sociale alla sua visione dello sviluppo economico attraverso la valorizzazione del lavoro e la libera impresa. Era stato uno dei più vivaci sostenitori della sinistra democristiana e del compromesso storico. Con la nascita del Partito Democratico questa sua visione aveva trovato nuovo slancio e perfetta collocazione politica. Scompare con lui una delle figure più note in città negli ambienti di sinistra, un politico capace di parlare con tutti con animo mite e gentile. Un caro amico”.

ULTIME NEWS