Pubblicato il

Nuoto per disabili: la città si mobilita

Nuoto per disabili: la città si mobilita

Dop il taglio dei fondi da parte dell'amministrazione comunale per i corsi gratuiti in piscina, nasce il gruppo "E-Sport-Abile" con l'obiettivo di raccogliere i primi 30 mila euro

CIVITAVECCHIA – Un euro una bracciata, fino a raggiungere il primo traguardo dei trentamila euro. Quelli che servono per far partecipare trenta ragazzi disabili a corsi di nuoto gratuito, tenuti da insegnanti qualificati, allo Sport’s Garden e alla piscina comunale. L’iniziativa è nata da un gruppo di civitavecchiesi, che hanno voluto reagire con i fatti alla notizia del taglio dei fondi da parte del Comune. Perché fino agli anni passati erano i Servizi Sociali a garantire il progetto. Oggi non più. A quanto pare il problema è quello di mancanza di regole certe, chiarezza, una convenzione alla base dell’iniziativa; oltre a quello dell’impossibilità economica a sostenere il progetto. E così è sceso in campo un gruppo di cittadini. E su Facebook è nato il gruppo “E-Sport-Abile”: in neanche 24 ore oltre 5500 adesioni che si potrebbero trasformare quindi in donazioni. Certo, c’è da capire bene modalità ed organizzazione, ma il primo passo è stato fatto. “Non siamo contro – spiegano gli amministratori del gruppo – siamo a favore, la voce di chi ha il diritto di svolgere le attività sportive senza se e senza ma, a favore del buon senso, delle soluzioni positive e costruttive con empatia e amicizia”.

Certo che la decisione del Pincio non è passata inosservata. I parlamentare del Pd Emiliano Minnucci e Marietta Tidei sono pronti a presentare un’interrogazione, alla luce anche del no del M5S a livello nazionale alla legge sul “Dopo di noi” approvata in prima lettura alla Camera. “Una legge – hanno spiegato – attesa da anni dai genitori delle famiglie con disabili e dalle associazioni, permetterà di disegnare un futuro meno incerto per migliaia di persone che oggi soffrono: la costruzione di un percorso individualizzato, che tiene conto delle specificità del disabile, rappresenta una risposta concreta per un futuro di sicurezza e di serenità. Spiace constatare – hanno aggiunto i due deputati del Pd – che il Movimento 5 Stelle non dimostri neppure un briciolo di sensibilità nei confronti di questo tema: d’altronde non c’è da meravigliarsi visto che nelle città dove governano, come Civitavecchia, hanno ben pensato di bloccare il finanziamento per i corsi gratuiti di nuoto dei disabili oltre che a rendere impossibile il servizio di trasporto scolastico per un ragazzo disabile per diversi mesi. Sui social network i grillini sono i campioni della solidarietà, ma nella realtà bocciano le leggi e tagliano i fondi per i disabilità”.

ULTIME NEWS