Pubblicato il

"Basta bruciare plastica nei camini"

"Basta bruciare plastica nei camini"

di GLORIA TROTTI

ALLUMIERE – «Ancora c’è gente che brucia la plastica sul fuoco del camino di casa». Questa la denuncia di Diego De Paolis di Allumiere e di tanti altri residenti dei due comuni collinari. In tanti stanno protestando per il fatto che «ci sono, purtroppo, ancora troppe persone incivili che continuano a bruciare plastica e materiale inquinante che producono fumo nero, maleodorante e tossico – scrivono i residenti – con questo modo di fare non solo si inquina ma si toglie la libertà ai vicini di respirare aria pulita». Altri sottolineano: «Per colpa di questi incivili i panni appena lavati e stesi si impregnano di fumo e di cattivo odore e siamo costrette a lavarli più volte». Secondo i residenti di Tolfa e di Allumiere «basta andare in giro per le strade dei nostri due paesi e alzare la testa verso i comignoli per vedere il fumo nero e molto spesso si è costretti a tapparsi il naso per non sentire i cattivi odori». La protesta sul social Facebook sta scatenando i collinari che denunciano questa problematica e che si dicono «stanchi di questo modo obsoleto di sbarazzarsi dei rifiuti». «Quelli che bruciano materiali tossici, plastiche e inquinanti sono magari gli stessi che si lamentano dei fumi della centrale o di quelli delle navi – conclude De Paolis – vorrei ricordare a tutti che i primi a non inquinare l’aria e a dare il buon esempio dovremmo essere noi stessi, uno per uno». Sempre dalla collina c’è anche chi denuncia il fatto che vengono bruciate plastiche e altri materiali maleodoranti anche nelle campagne e quindi urgono controlli serrati e l’elevazione di multe per chi non capisce che bruciando in casa o nelle campagne materiali vietati si inquina e si creano danni ai vicini e agli altri cittadini».

ULTIME NEWS