Pubblicato il

Disabilità, entro il mese la nuova versione del Nomenclatore

Disabilità, entro il mese la nuova versione del Nomenclatore

Tarquinia. Marco Gentili, co-presidente dell’associazione Luca Coscioni, ha vinto la sua battaglia

TARQUINIA – Sembra essere in arrivo la nuova versione del Nomenclatore Tariffario. Marco Gentili, co-presidente dell’associazione Luca Coscioni attraverso il programma televisivo aveva messo alle strette il premier Renzi ed il ministro Lorenzin; ora sembra che all’orizzonte qualcosa si muove. «Finalmente sembra essere in arrivo la nuova versione del nomenclatore tariffario per il quale, insieme a Filomena Gallo, segretario dell’Associazione Luca Coscioni, ho tanto lottato per ottenere, presentando a dicembre anche una diffida al Governo. Nella diffida chiedevamo di smettere di ledere i diritti delle persone con disabilità. Forse siamo riusciti a smuovere le acque ed ottenere finalmente giustizia». «Nomenclatore tariffario significa l’apparecchio che mi consente di parlare, di comunicare, di vivere — spiega Marco Gentili, 26 anni, malato di Sla, Sclerosi laterale amiotrofica, Co-Presidente dell’associazione Luca Coscioni — Ho dovuto affrontare una burocrazia immane e un percorso piuttosto stressante per ottenere una carrozzina che si confacesse alle mie esigenze, che sono tante e differenti: ho una grave scoliosi per cui non va bene una carrozzina ‘‘di serie’’ e di vecchia costruzione». Il Nomenclatore non viene aggiornato dal 1999. Anni di attesa e di rinvii che hanno messo a dura prova chi ne aveva bisogno per vivere, tanto che, lo scorso 10 dicembre, l’associazione Luca Coscioni aveva notificato una diffida alla Presidenza del Consiglio, al Ministro della Salute e alla Conferenza unificata Stato-Regioni affinché fossero posti in essere, entro 90 giorni, tutti gli atti necessari per aggiornare i Lea, i Livelli essenziali di assistenza e il Nomenclatore Tariffario. Ora, la Legge di stabilità, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 dicembre, stabilisce che entro 60 giorni dalla sua entrata in vigore, quindi entro fine febbraio, si debba provvedere all’aggiornamento dei Lea e del Nomenclatore tariffario ‘‘con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm), su proposta del Ministro della Salute, di concerto con il Ministro dell’Economia, d’intesa con la Conferenza Stato-Regioni’’. «Chi deve usare un ausilio ogni giorno, sa bene che è poco razionale acquistarne uno di base per poi personalizzarlo — continua Gentili — Non poter sapere a quale dispositivo ‘‘reale’’, cioè individuato con marca e modello, si può accedere è destabilizzante e demotivante soprattutto per chi vive un disagio quotidiano e trova nell’ausilio un’importante facilitazione». (F.F.)

ULTIME NEWS