Pubblicato il

Usi civici, parte il piano di recupero

Usi civici, parte il piano di recupero

Il presidente dell’Agraria Pasquini annuncia novità per far rientrare nelle casse dell’Ente oltre 45mila euro. Interventi di ordine equitativi sui possessori di demani di varie epoche storiche. Fino alla definitiva sistemazione di ogni caso, saranno applicati i canoni rilevati da un perito nominato dalla Regione

ALLUMIERE – L’Agraria di Allumiere ha posto in essere interventi di ordine equitativo tra i possessori di demani civici dell’Ente collinare di varie epoche storiche. In via transitoria fino alla definitiva sistemazione di ogni singolo caso saranno applicati i canoni rilevati da un perito terzo nominato dalla Regione Lazio. L’Ente collinare sta procedendo al controllo per individuare la piena disponibilità della popolazione utente o di quelle abusivamente occupate nel territorio limitrofo al centro abitato o ricadenti in area urbana contraddistinte per lo più da unità residenziali. Per quanto riguarda le zone inserite nella tenuta ‘‘Sbroccati’’ ceduta dalla società Montecatini al Comune di Allumiere nel 1950 va rilevato che detti terreni sono stati poi trasferiti dal Comune all’Agraria di Allumiere. Con Deliberazioni del Consiglio Universitario sono state individuate ed iscritte, in quattro diversi stralci, sessantasei nuove posizioni per un totale annuo di 45.486 euro. Il presidente Antonio Pasquini ha avviato le procedure per la notifica dei canoni; in caso di mancato pagamento saranno promosse azioni di recupero coatte. Pasquini poi conclude: «Ribadiamo la totale disponibilità nei nostri uffici per dare delucidazioni, chiarimenti e assistenza nell’avvio delle procedure per la definitiva sistemazione e liquidazione degli usi civici sulle occupazioni con applicazione degli istituti giuridici di riferimento previste ex legge. Grazie ai dipendenti e al segretario Luigi Artebani che, con estrema competenza e professionalità, hanno condiviso e sviluppato questo intenso lavoro. (Rom. Mos.)

ULTIME NEWS