Pubblicato il

Unioni civili, vescovi 'divisi' dopo l'intervento di Bagnasco

Vescovi ‘divisi’ dopo l’intervento del cardinale Angelo Bagnasco che due giorni fa si è appellato al voto segreto sulle unioni civili in discussione in Parlamento. Decisamente pro Bagnasco, monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina già presidente della Commissione episcopale per il laicato e assistente ecclesiastico di Azione Cattolica. “Il richiamo al rispetto della libertà di coscienza è sempre importante ed è stato sacrosanto da parte di Bagnasco, dal momento che si sta cercando di calpestare la coscienza da tutte le parti”, afferma all’Adnkronos Sigalini.

Di tenore opposto il pensiero di monsignor Gianfranco Girotti che, da reggente della Penitenzieria apostolica, per tanti anni ha rappresentato la massima autorità morale della Chiesa. “Di primo acchito quella di Bagnasco sembra tanto una interferenza. In questa fase sarebbe stato preferibile il silenzio”, dice molto chiaramente.

Monsignor Luigi Bettazzi, memoria storica essendo l’unico vescovo cattolico italiano vivente presente al Concilio Vaticano II, va al di là delle polemiche e ricorda che, “se fossero stati approvati i Dico, tutto si sarebbe già risolto. Quel che conta è il bene dei bambini che va messo al centro, senza cadere in generalizzazioni sterili. Non serve una legge generale”.

Dopo le polemiche è arrivata anche la precisazione del portavoce della Cei, don Ivan Maffeis, che ha detto che “non era intenzione del cardinale Bagnasco entrare in argomenti di carattere tecnico” poiché “il voto segreto appartiene alla sovranità delle Camere”.

E l’intervento del premier Renzi, che ha detto con chiarezza che sul voto segreto non decide la Cei. “E’ fuori discussione – dice monsignor Sigalini – che il voto non compete a noi. Non vedrei in ogni caso il voto segreto come uno strumento per impallinare il ddl Cirinnà. La cosa più importante è il voto secondo coscienza, coscienza cui è sempre bene appellarsi”.

Monsignor Girotti riflette sul contesto nel quale si inserisce la discussione sulle unioni civili e dice: “in un contesto che è a dir poco infiammato, intervenire come ha fatto il cardinale Bagnasco, significa dare ancora più fuoco alle polveri. Magari è stata qualche altra considerazione a muovere il cardinale Bagnasco, ma il suo intervento non mi trova d’accordo”. Secondo monsignor Girotti, “in questa fase tanto delicata con la discussione in Parlamento sarebbe stato meglio il silenzio. Poi naturalmente ognuno risponde alla propria coscienza ma proprio perché è così non c’è bisogno di richiamarla continuamente”.(ADNKRONOS)

ULTIME NEWS