Pubblicato il

Riccetti: "Civitavecchia non merita un'altra servitù"

Riccetti: "Civitavecchia non merita un'altra servitù"

CIVITAVECCHIA – Alessandra Riccetti interviene sulla questione Cara. «La mia prima valutazione – dichiara sulla sua pagina social – a caldo appena appresi la notizia dell’istituzione del Cara a Civitavecchia è stata: questa città non merita un’altra servitù. Il no, però, non era agli immigrati o ad un progetto di solidarietà, ma alle Istituzioni centrali per l’inadeguatezza di come volevano gestire questa emergenza. I cittadini di Civitavecchia hanno manifestato la loro grande preoccupazione, visti gli episodi accaduti nel 2011, non si sentono tutelati dal Governo centrale in termini di sicurezza. Concludo invitando tutti in questo momento difficile a mettersi a disposizione della nostra comunità, tralasciando polemiche sterili, certi argomenti meritano rispetto. I cittadini hanno bisogno di garanzie, certezze e verità e non di strumentalizzazioni politiche». Anche Marta Grande dice la sua: «La linea  nazionale del M5S è chiara: centri di dislocamento più piccoli, meglio serviti e quindi più ‘‘a misura d’uomo’’ e quindi – conclude – realmente rivolti all’integrazione dei singoli individui delle diverse comunità».

ULTIME NEWS