Pubblicato il

Parte la stagione invernale degli incontri del Gatc

Parte la stagione invernale degli incontri del Gatc

Un programma intenso di divulgazione scientifica sulla storia e l’archeologia a cura di Flavio Enei. Le lezioni ripercorreranno l’excursus cronologico dalla preistoria all’epoca moderna

di CARLO CANNA

CERVETERI – All’interno del ricco calendario di appuntamenti culturali proposto per la stagione invernale dal Gruppo Archeologico del Territorio Cerite (GATC), è in programma il corso di divulgazione scientifica “Storia e archeologia della città di Cerveteri e del suo territorio”, a cura del dott. Flavio Enei, volto ad illustrare il passato dell’antica Caere attraverso un excursus cronologico compreso dalla preistoria fino all’epoca moderna. Il corso, organizzato dall’Assessorato allo Sviluppo Sostenibile del Comune di Cerveteri, in collaborazione con il GATC, si svolgerà presso la Sala Ruspoli, in Piazza Santa Maria, a partire da oggi 18 febbraio e fino al 10 aprile, ogni giovedì (escluso il 10 aprile) dalle ore 18.30 alle 20.00. Il calendario del programma, costituito da otto lezioni e due visite guidate, è il seguente: introduzione al corso: il territorio cerite nell’antichità. I presupposti preistorici e la nascita della città di Caere nell’età del ferro; l’epoca etrusca: una grande metropoli del Mediterraneo antico. L’area urbana; le necropoli di Cerveteri: storia del culto dei morti e dell’architettura funeraria; il sepolcreto nord occidentale: la necropoli della Banditaccia e la Via degli Inferi; il litorale ceretano: il porto e il santuario di Pyrgi alla luce delle recenti scoperte ; escursione: il Museo del Mare e il Castello di Santa Severa nel luogo dell’antica Pyrgi ; l’entroterra ceretano: abitati, luoghi di culto e necropoli tra il Lago Sabatino e i Monti della Tolfa; la romanizzazione del territorio: Cerveteri prefettura e municipio romano, le colonie di Alsium, Pyrgi e Castrum Novum ; la fine del mondo antico e del paesaggio delle ville: Cerveteri medievale e moderna; escursione la necropoli della Banditaccia. Si ricorda che il corso è gratuito e aperto a tutti. Un attestato di partecipazione sarà rilasciato a tutti coloro che avranno seguito il corso fino ad un massimo di quattro assenze.

ULTIME NEWS