Pubblicato il

Antonio Floris ‘‘cambia volto’’ all’arenile

S. MARINELLA – C’è chi sogna gli angoli più caratteristici di questa città secondo un suo modo di vedere. C’è chi li trasforma, con una foto passata al photoshop, una delle spiagge più belle di Santa Marinella in un paradiso vivente. Così, Antonio Floris, ha voluto cambiare volto all’arenile del castello. «Sarà perchè amo Santa Marinella – dice Floris – sarà perchè non sopporto il degrado e l’abbandono, sarà perché amo la natura e il recupero degli spazi verdi, che per un attimo ho cercato di immaginare come sarebbe potuta diventare la spiaggia di sassi e spazzatura che si trova ai piedi del castello Odescalchi. Quell’area, che per la sua esposizione non è seconda a nessuna, con il suo bellissimo scenario di macchia mediterranea, si è lentamente riappropriata degli spazi abbandonati e incolti lasciando spazio ad una vegetazione spontanea che include nelle specie presenti piante rare e degne di rispetto, come la palma nana, le macchie di pino marittimo, la philyrrea e l’olivastro, l’agave e il lentischio. Le forme plasmate dal vento dominante sono apparentemente disordinate, ma nelle mani di un esperto potrebbero tornare armoniose, regalando alla nostra città uno spazio che farebbe venir voglia di visitarla. Un esempio, che farebbe finalmente apprezzare la cura dell’ambiente, abbinata al rispettoso utilizzo estivo di questa che potrebbe essere considerata l’unica vera spiaggia libera della città». «Un biglietto da visita – conclude Floris – dove i nostri ragazzi potrebbero imparare a riconoscere le specie autoctone da quelle importate, realizzando magari un piccolo orto botanico dove anche i meno sensibili sarebbero portati ad apprezzarle, a rispettarle e a farle rispettare”.

ULTIME NEWS