Pubblicato il

''Vogliamo essere propositivi''

''Vogliamo essere propositivi''

Allumiere. Primo intervento del neo consigliere di opposizione Carlo Cammilletti. Impegno su più fronti, dal degrado alla differenziata fino alle scuole

di ROMINA MOSCONI

ALLUMIERE – Primo intervento da consigliere per Carlo Cammilletti che siede fra i banchi dell’opposizione al posto del consigliere uscente Duccio Galimberti. «Siamo nati come un movimento politico per il paese e fin da subito abbiamo messo al centro del nostro impegno politico Allumiere e i suoi problemi – scrive Cammilletti – quelli più grandi come l’inquinamento, l’occupazione, la sanità, dovrebbero spettare alla Regione e al Governo nazionale: siamo invece ormai in uno stato di abbandono totale. In paese per eseguire i lavori per la riapertura dell’edificio scolastico o per rifare il manto stradale dobbiamo subire delle tempistiche realizzative più lunghe di quanto ci vorrebbe per realizzare gli stessi interventi partendo da zero. Ci auguriamo che tali situazioni non siano riconducibili anche a mancanze amministrative». Cammilletti quindi ha progetti per l’immediato ad Allumiere e spiega ‘‘cosa potrebbero fare il sindaco e la sua giunta’’ e come lui e il suo gruppo ‘‘possiamo renderci utili come opposizione’’.

«I giardini pubblici si trovano in stato di degrado, le vie del centro sono invase da auto in seconda fila o parcheggiate dove non dovrebbero – prosegue Cammilletti – per le vie del paese non ci sono contenitori a servizio dei cittadini per differenziare il rifiuto e quindi va tutto nell’indifferenziato che si paga con le tasse. Vorremmo poi capire come mai ci sono soldi nelle casse del Comune per finanziare libri di scrittori privati e poi nelle nostre scuole i genitori devono partecipare economicamente all’acquisto di prodotti come acqua o carta igienica. Infine vogliamo imporci per pretendere che la società Cotral abbia più rispetto per tutti gli studenti, anziani e lavoratori pendolari che stanno subendo il servizio deludente in questi ultimi mesi». Questi, secondo Cammilletti sono i «piccoli problemi che potrebbero essere facilmente risolvibili. Poi – ha aggiunto – ci sono anche grandi problemi, sempre di responsabilità della nostra amministrazione, che hanno bisogno di più tempo e denaro ma che, ad oggi, e se non ho capito male neanche in un futuro prossimo, non sembrano rientrare nei piani del partito di maggioranza del nostro paese, ossia una nuova scuola, il bocciodromo, la possibilità di trasformare il rifiuto del porta a porta in risorsa. Sono queste le tematiche che il nostro movimento ha portato fin dal principio in consiglio comunale e continueremo a farlo».

ULTIME NEWS