Pubblicato il

Alluvione, le precisazioni dell'Agenzia delle Entrate

Alluvione, le precisazioni dell'Agenzia delle Entrate

TARQUINIA – Aveva denunciato oltre al danno dell’alluvione che nel 2005 spazzò via ogni cosa a Marina Velca anche la beffa di dover pagare alcune spese, nonostante il ricorso vinto contro la Regione Lazio condannata in due gradi di giudizio a pagare i danni subiti “ arrecati dalla noncuranza del territorio e dal conseguente straripamento del fiume Marta nel 2005”.

 Sulla vicenda  intervieneora direttamente  l’Agenzia delle Entrate che ha avanzato la richiesta di pagamento. L’Agenzia,  per voce del direttore regionale Carla Belfiore, precisa che ”il primo dei due avvisi di liquidazione ricevuti dalla signora Elena Maria Scopelliti, presidente del Comitato Marina Velka senza fango’’ (pari a 2.569 euro) è relativo al  procedimento esecutivo, presso il tribunale civile di Roma, di pignoramento presso terzi, finalizzato al recupero delle somme dovute dalla Regione Lazio. Nel caso di esecuzioni mobiliari, l’avviso di liquidazione viene inviato soltanto ai creditori (l’avviso in questione è stato inviato alla signora Scopelliti e ad altri tre tra i vari creditori intervenuti)”.

“Il secondo avviso di pagamento (pari a 194,25 euro) – spiegano dall’Agenzia delle Entrate – è relativo alla registrazione della sentenza di appello. Come previsto dal Testo Unico in materia di registro (art. 57) e confermato dalla Corte Costituzionale, l’obbligo del pagamento dell’imposta di registro ricade in solido  su tutte le parti del processo, indipendentemente dalla soccombenza. L’avviso in questione è stato inviato alla Regione Lazio, alla signora Scopelliti e ad altri creditori”.

ULTIME NEWS