Pubblicato il

Arruolava jihadisti per l'Is, fermato macedone che stava per lasciare l'Italia

A Venezia-Mestre i carabinieri del Ros hanno notificato ed eseguito decreti di fermo e di perquisizione domiciliare emessi dalla Procura della Repubblica di Venezia nei confronti di un cittadino macedone indagato per arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale.

Ajhan Veapi, residente ad Azzano Decimo, frazione Tiezzo (Pn), era in procinto di lasciare il territorio nazionale per la Serbia e, successivamente, per la Germania.

Il provvedimento scaturisce dagli elementi raccolti nell’ambito dell’attività investigativa svolta dal Ros per il contrasto del radicalismo di matrice islamista. In particolare, “il monitoraggio del cittadino fermato ha consentito di verificare come lo stesso – spiega una nota dei Carabinieri – fosse dedito alla selezione e al reclutamento, in territorio italiano, di aspiranti mujaheddin da sottoporre a un imam bosniaco per le successive attività di radicalizzazione, arruolamento nell’organizzazione terroristica Is e instradamento verso i teatri di guerra mediorientali”.

L’attività investigativa ha documentato anche la partenza dall’Italia, verso la Siria, di tre cittadini macedoni e bosniaci, due dei quali deceduti combattendo nelle fila dell’Is tra il 2013 e il 2014 e il terzo tuttora impegnato nei combattimenti (ADNKRONOS)

ULTIME NEWS