Pubblicato il

‘‘Piazza 048’’ chiede i dati sulle patologie tumorali

‘‘Piazza 048’’ chiede i dati sulle patologie tumorali

SANTA MARINELLA – Grande folla al convegno che si è tenuto stamattina presso il centro anziani Over 60 al Parco Saffi, dove è stata presentata ufficialmente la sezione locale dell’associazione Pizza 048. “C’è stata un’ottima presenza di cittadini nonostante il tempo inclemente – dice il responsabile cittadino dell’associazione Pierluigi D’Emilio – davanti alla presidentessa di Piazza048 Claudia Martinescu, è stata ufficializzata la sezione di Santa Marinella dell’associazione, il cui scopo sociale è la tutela della salute e la diminuzione dei tumori. Sono state illustrate le azioni fatte, quelle in corso d’opera, tra cui la richiesta alla Asl RmF1 alla quale sono stati chiesti i dati relativi a Civitavecchia, Santa Marinella, Cerveteri, Ladispoli, Tolfa, Allumiere e Tarquinia, relativamente alle patologie tumorali dal 2000 al 2015. La richiesta, oltre che alla Asl, è stata inviata per conoscenza ai sindaci delle città citate, agli organismi di Governo, al Presidente della Repubblica Mattarella e a tutti gli organi preposti dell’Unione Europea. Attendiamo risposta a tale richiesta, nei tempi legali previsti, e su questo saremo inflessibili. Sono stati molti i cittadini che si sono iscritti, erano presenti anche esponenti politici locali. Al convegno sono intervenuti anche dei tecnici in merito ai fattori inquinanti e la loro incidenza sulle patologie che generano – conclude D’Emilio – e sono stati inoltre illustrati alcuni dati statistici a dir poco allarmanti”. Sono 5,5 milioni le persone che ogni anno muoiono prematuramente a causa dell’aria inquinata dallo smog. A ribadisrlo è proprio l’organizzazione mondiale della sanità che ha reso noti nei giorni scorsi i numeri di uno studio del  Global Burden of Disease Project, il progetto dell’Oms che studia i fattori all’origine delle malattie. Un problema più grosso di quanto si potrebbe immaginare e che colpisce i Paesi industrializzati, ma ancora di più quelli in cui l’economia ha iniziato a crescere solo da poco e in cui non sono ancora presenti misure forti a tutela della salute pubblica come la Cina e l’India. Così, le morti per inquinamento, si piazzano al quarto posto tra le maggiori cause di decesso, precedute da pressione alta, fumo e rischi legati all’alimentazione.

 

Gi.Ba.

ULTIME NEWS