Pubblicato il

Da ‘‘Italia in comune’’ all’Anci

Da ‘‘Italia in comune’’ all’Anci

Il consiglio comunale, la delega allo sportello del cittadino e ora anche il coordinamento dell’associazione nazionale comuni italiani: Federica Battafarano parla del nuovo progetto sul litorale che apre un percorso di buona politica ai giovani amministratori. La giovane: «Serve anche sfruttare i bandi europei»

di TONI MORETTI

CERVETERI – E’ Federica Battafarano, consigliera Comunale di Cerveteri, delegata allo sportello del cittadino, la coordinatrice per il territorio che comprende i comuni di Cerveteri, Ladispoli, Santa Marinella e Santa Severa, Civitavecchia, della nuova iniziativa dell’Anci che con questo strumento apre ai giovani amministratori per agevolarli a percorrere percorsi di “Buona Politica”. Se chiedi a Federica se è soddisfatta di questo nuovo incarico, vieni travolto da un’ondata di entusiasmo con un parlare sciolto e competente che ti fa dimenticare di avere di fronte una giovanissima leva della politica da quanto traspare che non può non essere frutto di una matura esperienza e una chiarezza di idee a dir poco disarmante. «L’Anci – dice Battafarano – ha con questa iniziativa aperto ai giovani amministratori con l’obiettivo di formarli in quelle che sono i nuovi strumenti che si hanno a disposizione, come per esempio i bandi Europei che devono essere saputi individuare e renderne possibile l’accesso attraverso una corretta progettazione e presentazione. Il 15 e 16 aprile, infatti, l’Anci nazionale, terrà un convegno formativo a Trieste mirato proprio ai bandi Europei. C’è da dire che il Lazio è all’avanguardia in quanto Zingaretti, appena insediatosi implementò un ufficio apposito alla progettazione per la partecipazione ai bandi Europei che offre specifica consulenza. Altro scopo della consulta è invece mettere in rete e condividere esperienze amministrative tra amministratori comunali». Un esperimento già avviato dal Sindaco Pascucci con l’iniziativa “Italia in Comune” dove si condividono le buone pratiche amministrative. «Esatto, sono anche io una coofondatrice dell’associazione. In effetti scusandomi per il bisticcio di parole, è una buona pratica condividere le buone pratiche. La tecnologia, la rete, ci agevola nello scambio delle informazioni nel senso che le velocizza, per cui una cosa fatta bene in un luogo può essere adottata e condivisa in un altro, con grande beneficio della comunità intera. Per esempio, il presidente Nazionale Anci Fassino, Sindaco di Torino ha allargato lo statuto del Comune inserendo il diritto al cibo. Diritto al cibo in senso lato soprattutto per andare incontro a quel grande fenomeno sociale che la crisi sempre più sottolinea che sono le nuove povertà. Sarà più facile, e me ne farò promotrice, riuscire a far si che altri comuni, compreso Cerveteri, promuova questo diritto che aumenta il livello della cultura civile. Battafarano delega al comune di Cerveteri allo Sportello del Cittadino, membro della consulta Anci-giovani per i comuni del litorale come rappresentante, fondatrice con il consigliere dell’area metropolitana Federico Ascani della consulta-giovani dell’area, Membro della commissione del Pd per le politiche dell’immigrazione, tua grande passione, come trovi tutta questa energia? Ammicca schernendosi chiedendo di trovare la risposta: gioventù e tanta, tanta passione.

ULTIME NEWS