Pubblicato il

Interporto, secondo tentativo

Interporto, secondo tentativo

CIVITAVECCHIA – L’interporto torna sul mercato. Pubblicata ad inizio febbraio e sospesa dopo una settimana, è nuovamente online la procedura competitiva per la vendita del ramo d’azienda della Interporto di Roma-Piattaforma logistica di Civitavecchia srl in liquidazione. La valutazione complessiva iniziale era stata fissata in 11.514.946 euro; oggi è scesa invece a 10.217.000 euro. L’aggiornamento del valore di stima del ramo di azienda concesso in locazione alla Icpl srl è dovuto al nuovo valore attribuito al diritto di superficie da parte del perito. Inizialmente era stato valutato in 10.853.736 euro, ipotizzando una durata residua della concessione in 33 anni. Non si era tenuto però conto di un accordo transattivo intercorso tra il Comune di Civitavecchia e la Icpl spa, datato 23 aprile 2012, mediante il quale si era convenuto che la concessione sarebbe scaduta il 28 febbraio 2041. La transazione ha ridotto quindi la durata residua della concessione, che è passata da 31 a 26 anni. Il valore di superficie è quindi passato a 9.556.072 euro.
Approvata anche un’appendice al regolamento della procedura competitiva. Le offerte dovranno essere presentate entro 60 giorni dalla pubblicazione (7 marzo). Dovranno essere presentate, tra l’altro, copia dei bilanci approvati e depositati relativi agli esercizi 2012/2013/2014: il fatturato complessivo dei tre anni non potrà essere inferiore all’80% del prezzo base del ramo d’azienda. Dovrà poi essere indicato il numero medio annuo di dipendenti e di dirigenti impiegati negli ultimi tre anni, che non potrà essere inferiore a 20 per i dipendenti e a 2 per i dirigenti.
Nel frattempo rimangono ancora tanti dubbi, soprattutto legati ai rapporti tra la società ‘‘madre’’ e la nuova società, sempre comunque di sua proprietà. E non è ancora ben chiara neanche la strada che l’amministrazione comunale deciderà di seguire.

ULTIME NEWS