Pubblicato il

Authority ed autotrasportatori: un tavolo per le emergenze

Authority ed autotrasportatori: un tavolo per le emergenze

CIVITAVECCHIA – Le problematiche dell’autotrasporto locale sono state al centro di un incontro tra il commissario straordinario dell’Authority Pasqualino Monti, il rappresentante degli autotrasportatori in Comitato Portuale Sestilio Felli ed il rappresentante dei lavoratori in comitato Patrizio Loffarelli. «Questo momento storico – hanno spiegato Felli e Loffarelli – è molto difficile per le imprese di autotrasporto di Civitavecchia, purtroppo gravato dall’arrivo di flotte di automezzi provenienti da Salerno. Il tozzo di pane che prima bastava alle realtà locali del settore, ora viene impoverito da una concorrenza che non è costruttiva per il mercato, ma è distruttiva di un tessuto imprenditoriale che si dimostra troppo fragile rispetto l’ingresso di imprese esterne». Il commissario Monti ha mosso la sua preoccupazione nei confronti della categoria delle imprese locali, che ha portato alla decisione di istituire un tavolo di lavoro per le emergenze; a breve inizieranno gli incontri istituzionali.
A seguito di incontri svolti tra le imprese è emersa la volontà di sottoporre alle rispettive rappresentanze le problematiche emerse e le nuove proposte di sviluppo del settore. «Verrà programmato un incontro con l’associazione di categoria – hanno aggiunto – ed usciranno documenti e proposte da sottoporre a tutte le istituzioni locali. Servono interventi riparatori prima, e di sviluppo poi per rimediare ad una situazione difficile. Dobbiamo cercare soluzioni per scongiurare mancati profitti per le imprese locali, con conseguente nuova disoccupazione per gli addetti ai lavoratori, e predominio delle imprese esterne a Civitavecchia. Nessuno è escluso dalle conseguenze di quello che potrebbe accadere, tanto i privati quanto le istituzioni. Per questo è necessario pensare anzitutto a soluzioni che portino ad aumentare i traffici sul nostro scalo, i quali porteranno occupazione non solo al settore trasporti, ma a tutta la filiera logistica locale. Metterci tutti intorno al tavolo dei lavori per situazioni di emergenza sarà utile per comprendere meglio la strada che è necessario intraprendere e salvare l’economia e l’occupazione locale». Verrà coinvolto anche il Comune, per portare la vertenza a livello regionale. «Troppo spesso si parla di logistica territoriale, ma molto frequentemente i diretti interessati come nel nostro caso i trasportatori – hanno concluso – sono tenuti fuori dai tavoli. Invitiamo tutte le realtà in difficoltà ad aderire a questa proposta e approfittare di questo tavolo di lavoro per affrontare finalmente le problematiche lavorative e rilanciare la nostra economia».

ULTIME NEWS