Pubblicato il

«Acea, punto informazioni ancora chiuso: una vergogna»

«Acea, punto informazioni  ancora chiuso: una vergogna»

Il consigliere comunale Andrea Bianchi attacca l’amministrazione Bacheca. «Minghella aveva dato l’ultimatum per gennaio»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Attacco senza esclusione di colpi, del consigliere comunale

Andrea Bianchi, al delegato al Bilancio Emanuele Minghella, accusato di non essere stato capace di evitare la chiusura definitiva del Punto informazioni Acea di Santa severa Nord. Bianchi, infatti, ha voluto attendere qualche mese per verificare se le promesse fatte dal consigliere di maggioranza, che ha ricevuto l’incaricato dal sindaco Roberto Bacheca a trattare con l’azienda per risolvere le problematiche a cui i cittadini si trovano ad affrontare per le mancanze e i ritardi con cui Acea svolge l’importante compito di mantenere attive ed efficienti le condotte idriche e fognanti della città e la struttura amministrativa che interessa gran parte degli utenti, fossero state rispettate. «Minghella – dice Bianchi – aveva detto esplicitamente che se a metà gennaio Acea non avesse riaperto il punto informazioni, si sarebbe fatto parte attiva per raccogliere le firme per la risoluzione del contratto con l’azienda romana. Siamo oltre metà marzo e il punto informazioni è ancora chiuso ed io credo definitivamente, e Minghella non ha fatto nulla, ne per costringere l’Acea a risolvere il problema, ne a avviare la raccolta delle firme. Per cui, credo che al consigliere di maggioranza interessi poco dei problemi che stanno avendo gli utenti di Santa Marinella, che per avere informazioni sulle bollette, sul contratto o per fare segnalazioni di rotture delle condotte o per mancanza di acqua, devono stare per ore attaccate al telefono oppure andare a Roma. Se il sindaco Bacheca pensava che con Minghella avrebbe risolto i problemi che l’azienda romana causa ai residenti, deve ricredersi. Forse farebbe bene a guardarsi intorno e trovare una soluzione alternativa. Sono mesi che gli abitanti di Colfiorito stanno senza acqua e nessuno si muove per mandare i tecnici a verificare cosa sia successo. Cosa devono fare queste famiglie per avere ciò che gli spetta di diritto? Spero che per una volta Minghella lasci da parte il bilancio ed inizi a fare qualcosa di concreto per costringere Acea a rispettare il capitolato d’appalto”. Da parte sua, Minghella, aveva detto che dopo un incontro avuto con il Presidente di Acea Paolo Saccani, la chiusura doveva essere solo momentanea e che se Acea non avesse mantenuto la parola data, sulla riapertura del punto informazioni, si sarebbe impegnato a martellare la dirigenza fino a quando non avessero ottemperato alle loro promesse.

L’azienda però non ha assolutamente risposto neppure alle sollecitazioni dei sindaci di Santa Marinella, Tolfa e Cerveteri, che sono le tre cittadine che stanno pagando i disagi maggiori causati da Acea.

ULTIME NEWS