Pubblicato il

Animo onlus: "Non capiscono l'emergenza sociale"

LADISPOLI – Non ci sta il direttivo di Animo onlus dopo la bocciatura della mozione proposta dal consigliere Alessandro Grando in cui si chiedeva all’amministrazione di dare in dotazione i locali in via Milano e viale Mediterraneo.
«Crisi è quando il vecchio muore e il nuovo non riesce a nascere” sosteneva Antonio Gramsci» – esordisce il direttivo di Animo onlus – e mercoledì sera al consiglio comunale di Ladispoli ne abbiamo avuto la conferma. Non capiscono l’emergenza sociale che il nostro progetto sociale – insieme ad altri – sta fronteggiando».
«Qui – continua il direttivo di Animo onlus -non stiamo parlando di associazioni che vogliono fare aggregazione o attività ricreative; qui stiamo parlando di progetti associativi che stanno offrendo un servizio di pubblica utilità. Stiamo parlando di volontari che danno da mangiare e vestire alle persone. Ogni giorno forniamo risposte concrete a centinaia di famiglie dove il Pubblico non riesce più ad arrivare. Non capiscono la materia del contendere»
«Non stiamo chiedendo una sede per fare partite a briscola o balli di gruppo (come poco simpaticamente alcuni consiglieri hanno insinuato), stiamo proponendo un nuovo modello di comunità, una nuova frontiera per il welfare locale – conclude il direttivo di Animo Onlus – per questo noi andremo avanti. Non lasciateci soli perché Nessuno si salva da solo!».
 

ULTIME NEWS