Pubblicato il

Discarica, Tidei: "Cozzolino e Manuedda non sanno amministrare"

Discarica, Tidei: "Cozzolino e Manuedda non sanno amministrare"

Il consigliere del Pd non ha parole di consolazione ed incalza i pentastellati accusandoli di disastro ambientale. Ma l’amministrazione si difende: «Restano inalterate le eccezioni di illeggitimità avanzate dal Comune»

CIVITAVECCHIA – «Civitavecchia aveva una discarica. Grazie a Cozzolino e Manuedda non ce la ha più». È la replica secca del consigliere Pietro Tidei che spiega: «Il Tar ha respinto il ricorso di Hcs e comune di Civitavecchia sulla discarica. Come si ricorderà – continua  – la Regione Lazio aveva revocato gestione ad Hcs a causa di gravi inadempienze registrate negli ultimi mesi. Come al suo solito il sindaco Cozzolino aveva cercato di attribuire un po’ a tutti la sua incapacità di gestire la discarica comunale».Tidei  aggiunge che il Primo cittadino era arrivato a parlare di un complotto politico-istituzionale: «tutto falso ovviamente. La verità, sancita da un’ordinanza del Tar, è un’altra: Cozzolino e i suoi – accusa – non sanno amministrare. Se ne sono accorti anche al Tar. Civitavecchia aveva un progetto, già approvato dalla Provincia, per un impianto di pre-trattamento dei rifiuti a bocca di discarica, Cozzolino e Manuedda lo hanno osteggiato e distrutto. L’impianto – prosegue l’ex Sindaco – avrebbe ridotto le frazioni da conferire in discarica, favorito un prologo della raccolta differenziata, fatto durare più a lungo la discarica, garantito lavoro per Hcs alla quale sarebbe stata affidata la gestione dell’impianto con i conseguenti ricavi: sarebbe stata sostenuta Hcs. Adesso – conclude – non abbiamo più una discarica, non abbiamo l’impianto ed in compenso i nostri rifiuti viaggiano per tutta la Regione da mesi, insomma, il più completo disastro ambientale».

Ma dall’amministrazione comunale arriva un commento differente: «Nessuna luce verde per la Regione Lazio sulla discarica fosso Crepacuore ma semplicemente rigetto della richiesta di sospensiva presentata da Hcs con il sostegno del Comune. Una decisione che lascia inalterata la situazione determinatasi all’indomani della revoca della gestione della discarica ad Hcs emessa dalla Regione Lazio. Restano inalterate anche tutte le eccezioni di illegittimità avanzate dal Comune e da Hcs in ordine al provvedimento – commentano dall’amministrazione comunale – eccezioni che saranno quindi affrontate nell’udienza di merito che l’amministrazione chiederà venga fissata quanto prima».

ULTIME NEWS