Pubblicato il

Escursione naturalistica con l’esperto Guido Prola

Sabato dalle 9,30 con partenza da piazza Veneto

Sabato dalle 9,30 con partenza da piazza Veneto

TOLFA – Sabato santo all’insegna della natura a Tolfa. Sabato 26 marzo si terrà infatti una imperdibile escursione naturalistica guidata dall’esperto professore Guido Prola. L’appuntamento e’ alle 9,30 a Tolfa in piazza Vittorio Veneto di fronte al Palazzo Comunale; i partecipanti dovranno essere dotati di binocolo e macchina fotografica. La quota di partecipazione è di 10 a persona (5 per i bambini e i ragazzi fino ai 13 anni). La lunghezza del percorso e’ di circa 2 km e la tipologia del sentiero e’ facile. La visita guidata avrà una durata di circa 4 ore. E’ obbligatoria la prenotazione al numero 3288275056 oppure scrivere a [email protected] A tutti i partecipanti verranno regalati i ‘’Segnalibri Naturalistici’’ con le illustrazioni a colori di Anna Maria Prola. «La cittadina collinare ospita un’insospettabile varietà di animali e piante che agli occhi dei turisti passa spesso inosservata – spiega il professor Guido Prola – gran parte di queste specie sono ‘’ospiti graditi’’ e arricchiscono l’abitato di colori e suoni naturali, talvolta però alcune specie diventano ‘’problematiche’’ (come ad esempio i piccioni, gli storni, le taccole e i topi), mentre altre sono ‘’aliene’’ (come per esempio le tortore dal collare) perché introdotte in Italia da altri continenti. La moltitudine di questi esseri viventi, oltre noi umani, forma la biodiversità urbana. Tra i muri di pietra, nel verde pubblico e nei giardini privati vive una interessantissima fauna che ha trovato nell’ambiente creato dall’uomo un sicuro rifugio. Tra gli uccelli che nidificano sui tetti delle vecchie case troviamo i passeri, i rondoni, i balestrucci, le rondini; nelle cavità dei muri le cincie e gli scriccioli, nelle soffitte nidifica il barbagianni e la civetta. Sulle rocce, sulle alte torri e sulle chiese abitano le taccole, i piccioni e il gheppio. Nei giardini e negli orti nidificano verdoni, verzellini e cardellini. Troviamo inoltre i ricci e le lucertole e nella bella stagione volano le colorate farfalle come la vanessa atalanta e il podalirio. Nei boschetti di querce del giardino comunale da pochi anni ha fatto la sua comparsa lo scoiattolo. Qui si riproducono anche l’upupa e il picchio muratore. In alto, sopra la Rocca del Frangipane, non è raro vedere volteggiare il Nibbio reale».

Rom. Mos.

ULTIME NEWS