Pubblicato il

Cessato allarme per la Rodari

Cessato allarme per la Rodari

La pavimentazione incriminata verrà ricoperta con vetroresina per eliminare ogni pericolo. La psicosi amianto messa a tacere in un incontro con il preside che rassicura: "Nessun pericolo reale"

di FRANCESCO BALDINI

CIVITAVECCHIA – Cessano gli allarmismi causati dalla ‘‘paura amianto’’ alla scuola primaria Gianni Rodari.
Alcune mamme preoccupate dalla presenza di polvere sui vestiti, scarpe e scarpe dei bambini, avevano lanciato un grido d’allarme per la presenza del pericoloso materiale nella pavimentazione della scuola, domandandosi se quella polvere non fosse legata ad esso, o quantomeno pericolosa per i ragazzi.
Nonostante le precedenti analisi effettuate dalla Asl, che aveva analizzato l’aria alla ricerca della presenza di fibre di amianto, fossero risultate negative e la scuola avesse ricevuto il via libera dall’amministrazione comunale per la riapertura, era stato alzato un polverone a tal punto da richiedere, con urgenza, la convocazione di ben due riunioni, una con il preside dell’istituto, Roberto Mondelli, ed una con l’assessore Gioia Perrone, al Palazzo del Pincio. 

«Alcune delle mamme – ha commentato Mondelli – hanno visitato la scuola e si sono tranquillizzate, in quanto non hanno riscontrato tutti i problemi che avevano immaginato precedentemente. I problemi relativi alla polvere hanno creato una sorta di psicosi amianto e mi sono impegnato personalmente con il personale Ata per pulire più a fondo le aule dopo aver chiarito ulteriormente che non c’è nessun pericolo per la salute».

Un incontro costruttivo, quindi, quello che si è svolto ieri  al Comune, in cui è stato fatto il punto della situazione ed è stato spiegato il piano d’azione per il futuro: «Il Comune presenterà all’Asl il piano di lavoro per essere approvato dai tecnici – ha continuato il preside – e verrà stesa della vetroresina per coprire i pavimenti in modo da evitare ogni rischio, successivamente spero si proceda alla rimozione completa dei vecchi pavimenti, per cui ho già fatto richiesta». Dalle analisi si evince che ‘‘È stata riscontrata la presenza di fibre di amianto nel collante al di sotto delle piastrelle viniliche’’ ma sembra che la percentuale sia talmente bassa da non rappresentare un problema e Mondelli rassicura: «Il pericolo non riguarda la rottura, ma lo sbriciolamento delle piastrelle, potenzialmente rischi non ce ne sono, come confermato dalle analisi del centro mappatura amianto di Civita Castellana. Non ci sono emissioni di fibre, come già chiarito dai test effettuati dalla Asl. Non c’è nessun pericolo – conclude – i lavori verranno effettuati solamente per un’ulteriore messa in sicurezza».

Una delle madri si è detta soddisfatta dall’incontro con l’assessore: «È stato un dibattimento costruttivo – dice – e la Perrone sembra aver recepito quanto è stato detto durante la riunione, tutti i dubbi sono stati chiariti, ci aspettavamo una situazione ben peggiore nella scuola».

ULTIME NEWS