Pubblicato il

Papa Francesco apre a divorziati e risposati

«Accompagnare, discernere e integrare chi vive in situazioni di irregolarità». Sono le tre parole chiave dell’Esortazione apostolica ‘‘Amoris Laetitia’’ con la quale Papa Francesco tira le somme sui due Sinodi dei vescovi, riunitisi nell’ottobre 2014 e 2015, dedicati alla famiglia e alle nuove sfide. Bergoglio apre ai divorziati risposati. Non c’è un ‘‘via libera’’ generalizzato alla comunione ma dal momento che le situazioni sono diverse, in un’ottica di discernimento e di valutazione caso per caso, non viene esclusa la possibilità di accesso ai sacramenti per chi non sia in «colpa grave».
«La Chiesa – scrive il Papa parlando delle situazioni ‘irregolari’ – possiede una solida riflessione circa i condizionamenti e le circostanze attenuanti. Per questo non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta ‘irregolare’ vivano in stato di peccato mortale, privi della grazia santificante». In una nota a piede pagina il Papa aggiunge: «Nemmeno per quanto riguarda la disciplina sacramentale, dal momento che il discernimento può riconoscere che in una situazione particolare non c’è colpa grave». Nell’Esortazione, avverte il Papa, non c’è una «nuova normativa generale di tipo canonico, applicabile a tutti i casi. È possibile soltanto un nuovo incoraggiamento ad un responsabile discernimento personale e pastorale dei casi particolari, che dovrebbe riconoscere che, ‘poiché il grado di responsabilità non è uguale in tutti i casi’, le conseguenze o gli effetti di una norma non necessariamente devono essere sempre gli stessi». (Adnkronos)

ULTIME NEWS