Pubblicato il

Partecipazione democratica anche per i migranti

Partecipazione democratica anche per i migranti

Con voto unanime il consiglio passa il regolamento della consulta dei cittadini migranti e apolidi. Lucia Lepore: «Un documento in cui nessuno è escluso»

di FABIO PAPARELLA

CERVETERI – Regolamento della Consulta dei Cittadini Migranti e Apolidi: voto unanime.

Una risposta a chi fa politica speculando sulla paura e l’ignoranza.

Insieme al consigliere comunale Aggiunto (approvato Maggio 2015) Cerveteri si dota degli strumenti di rappresentanza e partecipazione democratica delle (molteplici e vaste) comunità migranti stanziali da tempo nel territorio comunale (fin’ora escluse di fatto dall’amministrazione del territorio). Annunciato inoltre a breve l’avvio del progetto SPRAR (già la prima volta nel 2013, con l’accoglienza di 8 ragazzi): è stata la risposta a livello distrettuale (Cerveteri Ladispoli) alla ventilata decisione della Prefettura di dividere sul territorio le persone con diritto di protezione internazionale (rifugiati) in base alla popolazione (ne sarebbero arrivati 50). Il progetto riguarderà 20 rifugiati (uomini donne e bambini), copertura totale con fondi ad hoc. «Un regolamento studiato su misura dopo aver confrontato – spiega Lucia Lepore delegata alle politiche della pace.

«Verrano eletti 14 componenti che devono essere rappresentativi di tutte le aree geografiche nessuno escluso».

«Ci sarà poi una persona delegata da sindaco che farà parte della consulta – continua la delegata Lucia Lepore – successivamente i 14 membri eleggeranno il presidente che andrà a fare il consigliere comunale come membro aggiunto,a titolo gratuito solo con diritto di parola e non diritto di voto, come portavoce della consulta dei migranti».

ULTIME NEWS