Pubblicato il

Spi Cgil: "Ossidatore termico, pronti a dare battaglia"

Spi Cgil: "Ossidatore termico, pronti a dare battaglia"

CIVITAVECCHIA – “L’ossidatore termico per le armi chimiche nel centro Ncb di Civitavecchia rappresenta un pericolo per la città. Viviamo in un territorio già pesantemente compromesso dal punto di vista ambientale per la presenza della più grande centrale a carbone d’Italia, di un porto di rilievo europeo e di una centrale a turbogas. Non siamo disposti a tollerare altre fonti di avvelenamento”.

Maurizio Oroni, referente dello Spi per Civitavecchia e membro della segreteria di categoria per la Camera del lavoro di Viterbo-Civitavecchia-Roma Nord, spiega i motivi del no all’ossidatore che il ministero della Difesa e i vertici del centro chimico vorrebbero realizzare. Secondo le notizie in possesso del comitato Cittadini uniti contro l’inceneritore, ci sarebbe già un progetto triennale per oltre 17milioni di euro destinati a realizzare l’impianto. “Significa che il tempo stringe e – aggiunge Oroni – dobbiamo mobilitarci tutti, semplici cittadini, iscritti al sindacato, rappresentanti delle istituzioni, affinché venga scongiurato l’ennesimo schiaffo alla città”.

Lo Spi Cgil punta il dito  sui possibili rischi per la salute dei cittadini. “Il processo a cui le armi sarebbero sottoposte dentro l’ossidatore – ragiona ancora – non garantisce la totale innocuità dei materiali contenuti originariamente negli ordigni. Oltre quindi alle particelle che verranno liberate nell’aria, sarà problematico anche lo stoccaggio del materiale trattato. Che garanzie ci saranno per l’incolumità dei lavoratori impiegati e per quella di tutti i cittadini?”.

“Siamo pronti – conclude Oroni – a dare battaglia contro chiunque appoggi un progetto che non porta alcun valore aggiunto alla cittadinanza, solo ulteriore inquinamento. Il nostro territorio non può permettersi un’ulteriore servitù, quindi ci mobiliteremo affinché tutti i cittadini siano informati di quanto sta accadendo e saremo al fianco di quanti vorranno portare avanti questa lotta a difesa di Civitavecchia”.

ULTIME NEWS