Pubblicato il

Lezione dedicata alla prevenzione andrologica

All’istituto alberghiero un incontro sulle malattie riproduttive

All’istituto alberghiero un incontro sulle malattie riproduttive

LADISPOLI – All’istituto alberghiero di Ladispoli si parla di prevenzione delle malattie dell’apparato riproduttivo maschile: il 7 aprile, nell’ambito di un progetto dedicato all’educazione alla salute, il dottor Giuseppe Bomprisco ha tenuto una lezione sul tema della prevenzione andrologica fra i giovani. Il dottor Bomprisco ha sottolineato come le patologie e le anomalie dell’apparato genitale, per motivi storici e culturali, vengano spesso diagnosticate tardivamente. In Italia, inoltre, la situazione si è aggravata in seguito all’abolizione della leva militare obbligatoria, occasione in cui i giovani erano sottoposti ad una visita medica generale, che poteva valere anche da screening effettuato su una precisa fascia di età. Al termine dell’incontro, ildottor Francesco Barrese, specialista in urologia, coadiuvato dal dottor Bomprisco, si è reso disponibile per una visita gratuita agli studenti che ne avessero fatto richiesta.

Come ha sottolineato Zelinda Marianantoni, esperta in comunicazione e organizzatrice di eventi dedicati alla prevenzione sanitaria, oggi i dati della letteratura scientifica evidenziano che circa il 30-40% dei giovani maschi tra i 16 e i 18 anni presentano una patologia andrologica. I relatori hanno messo in rilievo quanto il fattore tempo sia fondamentale per evitare che questa diventi irreversibile. «Attualmente – ha affermato la professoressa Sara Leonardi, docente dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli e referente del progetto di educazione alla salute – non è previsto alcun primo livello di prevenzione andrologica per l’individuazione precoce di anomalie a livello dell’apparato genitale maschile. Sappiamo che tali patologie sono in grado di influenzare negativamente la fertilità e la sfera sessuale dell’età adulta. E’ quindi nostro dovere – ha concluso la Prof.ssa Sara Leonardi – moltiplicare gli interventi di informazione all’interno delle scuole».

ULTIME NEWS