Pubblicato il

Un rifugio per i gatti operati: si pensa alla ex casa cantoniera

Un rifugio per i gatti operati: si pensa alla ex casa cantoniera

Un rifugio per i gatti operati: si pensa alla ex casa cantoniera

S. MARINELLA – Con il costante abbandono di cani e gatti, l’amministrazione comunale si trova in evidente difficoltà a gestire questo problema. La recente convenzione tra il Comune e l’associazione di volontariato Fare Ambiente potrebbe dare una valida indicazione di come dare casa agli amici a quattro zampe. Per quel che riguarda i cani, il discorso non trova ostacoli in quanto il canile comunale ha una sua struttura ben collaudata e riesce a dare risposte concrete quando si presenta il problema di trovare una collocazione ad un cane abbandonato. La questione si fa più complicata, invece, quando ad essere lasciato in strada è un gatto. Una delle soluzioni, peraltro condivisa da molti, è quella di destinare la vecchia casa cantoniera al km 60 della via Aurelia, abbandonata da anni e poco tempo fa sottoposta ad un atto di sgombero emesso dal Comune in quanto abitata da extracomunitari, come rifugio per i felini sottoposti ad operazioni, dove troverebbero una location ideale per il decorso post operatorio. Un’idea che potrebbe diventare reale, in quanto eviterebbe in futuro che la struttura possa di nuovo essere occupata da stranieri. Le numerose gattare della città e i responsabili dell’associazione felina, sono intenzionati a discutere di questa opportunità con il sindaco Bacheca, affinchè intervenga sull’Anas per dare in comodato d’uso l’abitazione ai volontari animalisti. (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS