Pubblicato il

Festa dell'Unità a Cerveteri: una richiesta di rinvio a giudizio

Festa dell'Unità a Cerveteri: una richiesta di rinvio a giudizio

 CERVETERI – Ci sarebbe una richiesta di rinvio a giudizio per uno degli organizzatori della Festa dell’Unità a Cerveteri.

A darne la notizia il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci nella trasmissione di Mecenate Tv “Da mattina a sera”.

Il sindaco “per eleganza” non ha indicato in diretta il nome della persona coinvolta nel procedimento, ma la vicenda riguarderebbe l’organizzazione della manifestazione politica.

Secondo la ricostruzione fatta in trasmissione dal primo cittadino, gli organizzatori avrebbero sostenuto che il Comune non abbia voluto concedere gli spazi per l’organizzazione della festa. Uno degli organizzatori quindi, indignato, si sarebbe rivolto il Procura per denunciare il fatto.

La Procura, tuttavia, avrebbe constatato non solo la concessione degli spazi, ma anche che l’organizzatore era a conoscenza della concessione e, nonostante ciò, avrebbe comunque proceduto con la denuncia. «Non ricordo se si tratta di richiesta di rinvio a giudizio per calunnia o diffamazione – ha detto il sindaco – so che di certo tutta la comunicazione per l’organizzazione è passata attraverso email, ed esiste anche una delibera sulla concessione. E sicuramente so che si tratta del primo caso di persona che si auto denuncia».

La stampa ha evidente traccia solo di una denuncia sporta per questa questione da Maurizio Falconi il quale, attraverso un comunicato dello scorso luglio 2015, dopo aver dato la sua versione dei fatti, esortava il sindaco Pascucci «a studiarsi meglio la legge 241/90».

«Se lo avesse fatto – continuava Falconi- non ci sarebbe stata la denuncia alla Procura della Repubblica da me presentata».

ULTIME NEWS