Pubblicato il

Forzano posto di controllo: inseguiti dai Carabinieri

Forzano posto di controllo: inseguiti dai Carabinieri

Bloccato un civitavecchiese. Ore contate per il macedone che era con lui

S. MARINELLA – Giornata movimentata, ieri, per una pattuglia radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Civitavecchia coordinata dal sottotenente Roberto Lacatena, che nel corso di un servizio di controllo del territorio, ha fermato un cittadino di nazionalità italiana che, insieme ad un macedone, hanno forzato un posto di blocco a S. Marinella, istituito per l’arrivo della figlia dello scienziato Guglielmo Marconi, giunta in città per partecipare ad una manifestazione all’interno del Centro Sperimentale di Capolinaro dedicata al padre. I due, stravano transitando con una Fiat 500 rubata il giorno precedente a Bracciano, sulla statale Aurelia in direzione Civitavecchia. Giunti nella zona dove i Carabinieri avevano istituito il posto di blocco, all’alt dei militari, hanno accelerato dandosi alla fuga. La pattuglia ovviamente li ha inseguiti e loro, vistosi raggiunti, hanno abbandonato l’auto qualche centinaio di metri dopo, dopo aver urtato leggermente un’autovettura che proveniva da Santa Marinella nei pressi della rotonda collocata alla piscina comunale. L’autista del mezzo, il macedone, è riuscito a scappare, mentre il secondo, un civitavecchiese, è stato bloccato e fermato. I Carabinieri, nell’immediata attività d’ indagine, sono riusciti a risalire alle generalità del fuggitivo che ovviamente ha le ore contate.

ULTIME NEWS