Pubblicato il

Santa Fermina: grande partecipazione nonostante il maltempo

Santa Fermina: grande partecipazione nonostante il maltempo

La processione si è snodata per il centro cittadino, arrivando fino al porto per la tradizionale benedizione. Per la prima volta anche delle donne negli sbandieratori di Amelia 

CIVITAVECCHIA – Rinnovato ancora una volta l’appuntamento con la  festa della patrona Santa Fermina e i civitavecchiesi hanno dimostrato di essere molto attaccati a questa tradizione visto che, nonostante il maltempo, in tantissimi si sono riversati per le strade e al porto a vedere la processione e in molti hanno affollato la Marina girando fra le varie bancarelle.

In apertura della processione come sempre il gruppo di sbandieratori di Amelia che con le loro prodezze hanno fatto felici grandi e piccini; la novità di quest’anno la presenza tra i 22 sbandieratori anche di bambine e ragazze, nel solco del rinnovamento. a seguire il corteo storico amerino e poi un nutrito gruppo in abiti storici della Pro Loco Civitavecchia. Tante le persone che hanno accolto con favore le comparse civitavecchiesi che hanno riempito un vuoto che per alcuni anni si è sentito in processione. A sfilare molti membri della comunità rumena coi loro abiti particolari e sgargianti. Come sempre c’è stato l’accompagnamento musicale delle due bande cittadine: in apertura la Ponchielli e la Puccini. Tantissimi i rappresentanti delle varie associazioni della  città (Croce Rossa, Comitato Festeggiamenti Santa Fermina, associazione Mare Nostrum con i vari Rioni storici cittadini; l’associazione Marinai d’Italia e quelle delle varie compagnie militari; carabinieri, protezione civile, unità cinofila della Prociv, Avis, scout, gruppo San Francesco De Paola, gruppo portatori San Felice da Cantalice; gruppi di preghiera Padre PIo) e delle confraternite della diocesi; così come sono stati numerosi i sacerdoti e le suore che hanno sfilato in processione accanto al Vescovo, monsignor Luigi Marrucci; ad animare liturgicamente don Augusto Baldini. A rappresentare la città il sindaco Cozzolino,la vice sindaco Lucernoni, il presidente del consiglio comunale Riccetti, l’assessore D’Anto’ e alcuni consiglieri; folta la rappresentanza dei lavoratori del porto capitanati da Enrico Luciani.

All’arrivo della statua in porto il Vescovo ha acceso la lanterna davanti alla statua della patrona e poi come ogni anno c’è stato il giro nel porto e l’omaggio ai caduti in mare; da rilevare che è mancato il suono delle sirene dei vaporetti. Al termine del giro nel porto si è snodato il corteo religioso per portare la statua della patrona in cattedrale. Tantissime le persone (compresi i turisti) che hanno visitato il Forte Michelangelo e la cappella di Santa Fermina.  
(Rom. Mos.)

LA FOTOGALLERY

ULTIME NEWS