Pubblicato il

Santa Marinella, nuovo chiosco a Largo Costici

Santa Marinella, nuovo chiosco a Largo Costici

Il Comune ha rilasciato il permesso a costruire al vecchio titolare

SANTA MARINELLA – La risposta alla domanda che si è posto ieri il segretario cittadino del Pd Aldo Carletti, che si chiedeva cosa si stesse facendo all’interno dello spazio comunale di Largo Costici, l’ha data il Comune, che ha rilasciato il permesso al vecchio titolare del chiosco che era stato realizzato nella zona a mare del parco pubblico, di costruirne uno nuovo ma in una parte dell’area diversa rispetto a quella in cui era stato posizionato quello vecchio, peraltro costruito con una serie di irregolarità da coloro che avevano vinto il bando di gara per la gestione del giardino comunale. Il progetto del chiosco era stato redatto dall’assessore Raffaele Bronzolino che, all’epoca dei fatti, non era nella Giunta comunale e quindi non aveva la delega ai Lavori pubblici. A far emergere tali irregolarità fu un residente che aveva la sua abitazione nei pressi del parco che, un paio di anni fa, presentò un esposto alle autorità. Ovviamente al seguito della denuncia ci fu un sopralluogo della Guardia forestale che portò al sequestro della struttura motivato dall’abuso edilizio. Successivamente il Tribunale di Civitavecchia sentenziò che il chiosco doveva essere demolito in quanto non aveva rispettato i vincoli paesaggistici, considerato che nella zona adiacente al manufatto c’era una parte della terrazza che guarda sul mare che non era agibile. Per i titolari del chiosco, comunque, tutto doveva essere a posto visto che il Comune aveva rilasciato i dovuti permessi, vincolando la struttura ad alcune precise disposizioni da loro rispettate. L’attività estiva del chiosco, quindi, subì uno stop e per poter riprendere il loro lavoro, i titolari della concessione si sono visti obbligati a presentare una richiesta e spostare la struttura in un’area diversa.

Sulla questione è intervenuto ieri il vicesindaco Carlo Pisacane che in un comunicato ha spiegato come intende risolvere il problema legato all’inagibilità della terrazza al mare e delle sottostanti cabine. «E’ mia intenzione convocare una conferenza dei servizi su questa tematica – ha detto Pisacane – visto che un mese fa ho avuto colloqui con la Capitaneria di porto dove abbiamo discusso della precarietà della terrazza di Largo Costici – con loro e con il delegato al demanio Gasparri, abbiamo valutato quali interventi siano più consoni per dare una soluzione al problema». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS