Pubblicato il

''Area naturalistica a rischio cementificazione''

''Area naturalistica a rischio cementificazione''

Cuori Ladispolani lancia l’allarme a seguito della richiesta di ampliamento della struttura ricettiva ‘‘Alle Tamerici’’. L’associazione: «Presenti sulla zona vincoli archeologici e paesaggistici della Soprintendenza»

LADISPOLI – L’associazione Cuori Ladispolani lancia l’allarme cementificazione dopo la pubblicazione sull’albo pretorio del Comune di Ladispoli dell’atto di convocazione della Conferenza di Servizi riguardante il cambio di destinazione urbanistica di una enorme porzione di territorio.

«Si tratta di un’area naturalistica – spiega l’associazione Cuori Ladispolani – di circa 4 ettari, tra le più importanti dal punto di vista paesaggistico e naturalistico di Ladispoli, cara a tutti i cittadini e turisti. E soprattutto, cosa più importante, si affaccia direttamente sul mare. Pare che la società proponente chieda al Comune di cementificare edificando strutture, appartamenti e ampliamenti del complesso alberghiero esistente sul litorale, denominato “alle tamerici».

«E ci sorprende – continua l’associazione – che il Comune non si accorga che l’area insiste in una delle zone più pregiate, di particolare equilibrio naturalistico e paesaggistico, inquadrata come area Sic (sito di interesse comunitario, direttiva habitat) oltretutto ricadente nei 300 metri dalla battigia (fascia di rispetto di inedificabilità assoluta). Inoltre sull’area insistono vincoli archeologici, paesaggistici e un parere di non ammissibilità all’edificazione espresso dalla Soprintendenza archeologica dell’Etruria Meridionale per la presenza di resti di strutture murarie dell’antico centro di Alsium”».

«E’ bene – attacca l’associazione – che l’amministrazione comunale si accorga che la zona in cui si colloca l’area, nel Piano Regolatore Vigente, è urbanisticamente destinata a servizi pubblici, non edilizia privata. La conferenza si terrà Giovedì 16 giugno alle ore 10:00 presso la sala Giunta del Comune e in quella sede si deciderà sulla cementificazione del tratto di costa più pregiato, importante e paesaggistico di Ladispoli, che potrebbe compromettere per sempre il profilo del Bosco di Palo deturpando il paesaggio e sottraendo una grossa porzione di spiaggia libera a tutti i cittadini».

«Noi – conclude Cuori Ladispolani – saremo presenti alla conferenza di servizi, per avere maggiori dettagli sull’ennesima “operazione” edilizia ai danni dell’ambiente, alla quale ci opporremo con tutti i mezzi . Invitiamo tutti i cittadini a fare sentire la loro voce per fermare questo scempio. E invitiamo i consiglieri a non prestarsi all’approvazione di questo grave scempio di fine mandato».

ULTIME NEWS