Pubblicato il

Sciopero igiene ambientale: garantiti i servizi minimi a Santa Marinella

Sciopero igiene ambientale: garantiti i servizi minimi a Santa Marinella

S. MARINELLA – Per la seconda volta in due settimane, i lavoratori pubblici e privati addetti ai servizi di igiene ambientale, hanno indetto uno sciopero nazionale che ovviamente si farà sentire anche a S. Marinella.

«Per questi motivi – fanno sapere dall’ufficio stampa del Comune – si potrebbero creare disagi e disservizi al regolare ritiro dei rifiuti anche a Santa Marinella e Santa Severa. Saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali previsti per legge».

Dunque, oggi, i dipendenti dell’Igiene Ambientale incrociano le braccia. A causare lo sciopero nazionale unitario convocato da Cgil, Cisl, Uil e Fiadel, la persistente chiusura, le rigidità delle parti datoriali e le questioni da sempre irrisolte. I lavoratori, oltre a chiedere un rinnovo che riconosca loro un giusto salario, vogliono mettere al centro i problemi legati alla sicurezza e alla salubrità di condizioni e luoghi di lavoro in un settore fortemente a rischio, alla salute, al riconoscimento del contratto nazionale.

«Intollerabile lo scivolamento di parte del sistema verso un dumping che, utilizzando contratti non idonei al settore, fa cassa sulla pelle dei lavoratori – scrive in una nota Natale Di Cola, segretario generale Fp Cgil Roma e Lazio – ai cittadini, di cui comprendiamo la rabbia, chiediamo di ascoltare le ragioni dello sciopero, che sono legate alla qualità di un lavoro difficile e duro, dalla cui buona organizzazione dipende la salute pubblica e la qualità della vita a Roma e nel Lazio. I lavoratori sono stanchi di subire le umiliazioni quotidiane per strada, con i cittadini giustamente imbufaliti per le tariffe alte e le strade sporche. Sappiano che siamo dalla stessa parte della barricata». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS