Pubblicato il

Ladispoli, Paliotta: "Si rende la costa più attraente per i turisti"

Ladispoli, Paliotta: "Si rende la costa più attraente per i turisti"

LE TAMERICI. Parla il sindaco Paliotta in merito al progetto di ampliamento della struttura alberghiera. Il sindaco: «Pensate bene quando andrete a votare e alle persone che non vogliono lo sviluppo»

di DANILA TOZZI

LADISPOLI – Parla diretto il sindaco Paliotta sull’opera che tra breve prenderà corpo a Marina di Palo: l’ampliamento al complesso “Le Tamerici”, in via dei Delfini, fronte mare.

«Come -attacca subito Paliotta -ci lamentiamo per la mancanza di alberghi e poi non appena un privato decide di “allargarsi” gli facciamo la guerra? Ma siamo fuori di testa! Altre stanze significano altra recettività, altri posti di lavoro, la possibilità in prospettiva di rendere questa porzione di costa ancora più attraente turisticamente. Come si fa a non capirlo! Si vede che chi contrasta simili progetti non ha problemi economici – e aggiunge- se uno ha otto appartamenti non può preoccuparsi di chi magari non ha neanche mezzo impiego». È chiaro, netto, deciso Paliotta a smentire vivacemente coloro i quali lo avevano accusato di “cementificazione” per aver dato il benestare a un progetto presentato l’altra mattina durante la conferenza dei servizi cui hanno partecipato Regione, Sovrintendenza e le altre istituzioni competenti. «Inoltre, ricordo, nella riunione sono emersi dati che seguiranno un iter ben preciso per cui saranno portati in sede di consiglio comunale, così come prevede l’articolo 8 del Dpr 160 del 2010. Niente di trascendentale, quindi è la prassi solita. Ma non vedo perché alzare tanto polverone e gridare allo scandalo quando si tratta di un’opera piuttosto contenuta”. La proposta è stata presentata da un ente religioso, il Colle Bianco, che prevede l’ampliamento della struttura “Le Tamerici” di 250 mq. all’interno dell’area della stessa proprietà. “Così che dalle attuali 32 camere si passerà a una ricettività di 54 posti letto, tali da consentire così un’apertura per tutto l’anno e non limitata ai soli mesi estivi. Più turismo più ricchezza». Molto discussa l’operazione dal consigliere comunale Alessandro Grando dell’associazione Cuori Ladispolani che parlava apertamente “di cementificazione in una delle zone di maggior pregio paesaggistico di Ladispoli che avrebbe potuto recare non poco danno anche al vicino Bosco di Palo”. Cuori “sconsolati”, dunque, vista la piega che ha preso la questione e che dovrebbe comportare anche un diverso profilo sull’area della spiaggia su cui c’è l’ipotesi di realizzare anche un centro velico. Ma pure questo disegno sembra sia osteggiato anche dal Movimento 5 Stelle sul quale Paliotta chiosa, rivolto ai cittadini «Attenzione il prossimo anno quando andrete a votare a chi darete la preferenza: pensateci bene perché queste persone non vogliono sviluppo, non vogliono alberghi».

ULTIME NEWS