Pubblicato il

Incidenti, introdotti anche i reati di lesioni gravi

Incidenti, introdotti anche i reati di lesioni gravi

Grande successo per l’incontro organizzato a Santa Marinella sul tema dell’omicidio stradale

SANTA MARINELLA – Si è tenuto nei giorni scorsi, in occasione dell’entrata in vigore della legge n° 41 del 23 marzo scorso relativa all’omicidio stradale, un interessante convegno organizzato dall’associazione Amici Forze Armate e di Polizia di Santa Marinella, dedicato alle nuove norme sul tema dell’omicidio stradale e lesioni personali. Il presidente dell’associazione, Antonio Capuozzo, si è detto onorato di aver avuto la possibilità di organizzare un convegno di tale importanza, dove si è informata la cittadinanza su un argomento attualissimo, specialmente dopo il triste fatto di Santa Severa. Il Sostituto Commissario Roberto Ferilli, l’Ispettore Superiore Claudio Paolini della Polizia Stradale e l’avvocato penalista Patrizio Alecce, hanno illustrato la nuova norma in modo chiaro e semplice ad una platea molto attenta. Si è infatti appreso durante il convegno, che oltre ai reati di guida in stato di ebbrezza e stupefacenti, sono stati introdotti i reati di lesioni gravi e gravissime a seguito di un incidente semplice. Capuozzo si è dichiarato d’accordo sul fatto che, chi si mette alla guida senza abilitazione o in preda all’alcool o alle sostanze stupefacenti, deve essere considerato come chi premedita un omicidio, per cui va arrestato immediatamente. “Con la nuova norma – ha detto Capuozzo – basta una disattenzione che provoca una prognosi con più di 40 giorni, l’autore del misfatto viene sanzionato con la revoca della patente e forse anche con l’arresto. Il provvedimento prevede, tra l’altro, pene fino a dodici anni, con particolari aggravanti per chi si da alla fuga o guida senza patente o è privo di assicurazione. E’ invece punito con la reclusione da cinque a dieci anni l’omicidio stradale colposo commesso da conducenti in stato di ebbrezza, imprudenza, superamento dei limiti di velocità, attraversamento di incroci con semaforo rosso, circolazione contromano, inversione di marci in prossimità o in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi e sorpassi azzardati. Il tema è stato particolarmente attuale, considerato che dieci giorni fa due giovani ragazzi hanno perso la vita dopo un violento impatto con un suv a velocità elevata”.

ULTIME NEWS