Pubblicato il

Ultimate gran parte delle opere di metanizzazione a Valcanneto

Ultimate gran parte delle opere di metanizzazione a Valcanneto

L’Italgas opera dei test sulla rete. Già da lunedì si potrebbero chiedere gli allacci

CERVETERI – Sembra si avvii a conclusione il progetto di metanizzazione globale a Valcanneto. Come già detto, questa Amministrazione ha riconcepito il progetto originario di metanizzazione dove era previsto portare il servizio soltanto ad una metà delle strade della frazione e conseguentemente solo ad una metà dei cittadini provocando motivo di grande discriminazione. Il nuovo progetto, in accordo e con la piena disponibilità di Italgas, prevede che il gas arrivi a tutte le case di Valcanneto. Si è proceduto posando circa 16.000 metri di nuove tubature, ma per difformità dei materiali usati, era necessario sostituirne 3000. Questo intervento ha provocato uno slittamento sul completamento della rete. A fronte di questo disagio, l’amministrazione comunale ha ottenuto la ripavimentazione completa della strade della Frazione. Invece che la sola carreggiata interessata dalla posa delle reti, saranno ripristinate infatti le intere sedi stradali». In questi giorni sono iniziati dei test su buona parte delle reti, test che se risulteranno positivi, già da lunedì si potrà procedere da parte dei cittadini alle domande di allaccio sul mercato libero. Una richiesta ordinata che rispecchierà certi criteri, favorirà e velocizzerà anche il rifacimento della rete viaria. Così Valcanneto, fa un passo importante nell’assunzione di un insediamento che doveva essere diverso da come era stato concepito. Quando nacquero i primi cantieri di Valcanneto si parlava di un quartiere residenziale di elite. Case belle .spaziose, ben costruite, con tutti i confort, dovevano essere le abitazioni giuste per un target medio alto di cittadini che cercavano verde, tranquillità e aria pulita a due passi dalla capitale. Cerveteri era il posto ideale ma si sa, lo stesso doveva essere per Cerenova e per Campo di Mare. Borghi satelliti dove vi erano tutte le condizioni per creare i presupposti per uno standard di vita decisamente elevato. Ma come è noto, qualcuno, molti, nella rincorsa di supremazie imprenditoriali, nel tentativo di conservare privilegi padronali, con la volontà di continuare a seminare mattoni piuttosto che alberi nei propri latifondi coadiuvati da volontà politiche affette da cecità e ammansite dai tanti caffè, e si badi solo caffè per i più, elargiti e sorbiti con avidità, sono riusciti a fare di una promessa un pantano dal quale si tenta con sforzi inimmaginabili di uscire. Si aveva un progetto di metanizzazione a metà pe Valcanneto. In virtù di quale logica si poteva predisporre una cosa del genere. Ci si chiede chi può aver deciso di commissionare e pagare tale progetto. Misteri irrisolti. (To. Mo.)

ULTIME NEWS